Apri il menu principale

Godescalco di Benevento

duca longobardo
Godescalco: solido
Gottschalk soiidus 722258.jpg
D N I-INЧS P P, busto coronato e drappeggiato di fronte, che tiene globo crucigero; corona sormontata da ••• VICTORI IVGVSTO, croce potenziata su globo posto su quattro scalini; D-G nel campo; CONOB in esergo.
AV (a basso titolo), 3,90 g, 6h, cfr. MEC 1, 1091

Godescalco[1] (... – 742) è stato un duca longobardo, duca di Benevento dal 739 alla morte[2]. L'ascesa di Godescalco avvenne senza l'approvazione reale.

BiografiaModifica

Con il ritorno di Trasamondo II al potere nel ducato di Spoleto, l'ira di Liutprando, re dei Longobardi si spostò nell'Italia centrale e meridionale. Dopo essersi occupato di Trasimundo, Liutprando si rivolse a Benevento, dove Godescalco si preparava a fuggire. Il duca aveva già messo a bordo di una nave i suoi beni, la sua famiglia e la moglie Anna, quando il popolo, fedele alla memoria di Romualdo II, lo uccise. La moglie e la famiglia fuggirono in Grecia, mentre sul trono beneventano fu restaurato Gisulfo II

NoteModifica

  1. ^ Il nome oltre a Godescalco è riportato come Gottschalk o Gotteschalchus[senza fonte].
  2. ^ Sergio Rovagnati, I Longobardi, p. 115.

BibliografiaModifica

Fonti primarie
Letteratura storiografica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica