Google Play Musica

servizio musicale di Google che permette di acquistare e ascoltare musica
Google Play Musica
software
Logo
GenereMusica (non in lista)
SviluppatoreGoogle
Data prima versione16 novembre 2011
Sistema operativoAndroid
Licenza(licenza non libera)
Sito webplay.google.com/music

Google Play Musica è stato un servizio di musica in streaming on demand di Google, lanciato nel 2011 e sostituito definitivamente da YouTube Music nel 2020.

StoriaModifica

Il 16 novembre 2011 Google lanciò Google Music negli USA con un proprio negozio virtuale dove era possibile acquistare musica e un'integrazione del servizio con Google+. A partire dal 6 marzo 2012 Google Music è stato completamente integrato in Google Play ed è stato rinominato Google Play Music (che in Italia è diventato Google Play Musica).

Dal 13 novembre 2012 il servizio è stato disponibile anche in Francia, Spagna, Italia, Regno Unito e Germania.

Il 12 maggio 2020 Google ha annunciato, tramite un post sul blog ufficiale di YouTube, che a partire da quella data gli utenti di Play Musica avrebbero potuto effettuare la migrazione delle proprie playlist e dei propri brani all'interno di YouTube Music[1][2][3]. La chiusura di Play Musica è avvenuta gradualmente, iniziando da agosto con la revoca dell'accesso allo store per l'acquisto di musica per concludersi a dicembre 2020 con la chiusura definitiva del servizio per tutti gli utenti[4][5][6].

L'ultima versione dell'app è stata la 8.29 (aprile 2021) poi sostituita, su Play Store, da YouTube Music.

Caratteristiche e funzioniModifica

Google Play Musica è stato un negozio di musica digitale, in concorrenza ad altri come iTunes Store e Amazon Music. Su Google Play Musica i brani acquistati erano file con estensione mp3 e bitrate a 320kb/s. Ogni brano o album acquistato su Google Play Musica era memorizzato sul cloud legato al proprio account Google e poteva essere ascoltato in streaming ovunque attraverso l'applicazione Google Play Musica (disponibile da web, su Android e su iOS), oppure il brano/album poteva essere scaricato per l'ascolto offline sul computer o nella cache dei dispositivi mobili. Lo spazio di archiviazione cloud per la memorizzazione dei brani acquistati su Google Play Musica era illimitato e permetteva da marzo 2015 il caricamento di 50.000 brani (novità che va ad aumentare di più del doppio il numero massimo dei brani caricabili, che si attestava precedentemente sui 20.000)[7].

Google Play Musica offriva, inoltre, la possibilità di eseguire il back-up della musica già in possesso, che l'utente ha acquistato (o scaricato) altrove.

UnlimitedModifica

Unlimited era un servizio in abbonamento di Google Play Musica che, in maniera analoga a Spotify e simili, dava la possibilità di ascoltare, senza alcuna pubblicità, da browser web o mobile app, tutta la musica presente nello store, al costo di 9,99 € mensili.

Attivazione dell'abbonamentoModifica

Spesso ci sono state offerte una o più mensilità iniziali gratuite. Per poterne usufruire era richiesta l'associazione di una carta di credito o prepagata al proprio account, sulla quale verrà effettuato un addebito fittizio di 0,00 €. È stato possibile interrompere l'abbonamento in qualsiasi momento, anche prima dello scadere del periodo gratuito, senza alcun costo aggiuntivo. Terminato il periodo di prova, l'abbonamento proseguiva col canone di 9,99 €/mese.

NoteModifica

  1. ^ (EN) YouTube Music is making it simple to transfer over your Google Play Music library, su Official YouTube Blog. URL consultato il 14 giugno 2020.
  2. ^ Google Play Music chiude i battenti. Le istruzioni di Google su come migrare in YouTube Music, su DDay.it. URL consultato il 14 giugno 2020.
  3. ^ Google chiude Play Music: ecco come trasferire musica su YouTube Music, su TuttoAndroid, 5 giugno 2020. URL consultato il 14 giugno 2020.
  4. ^ Google Play Music chiuderà a partire da settembre, su TuttoAndroid, 4 agosto 2020. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  5. ^ Google Play Music al tramonto: ecco le cose da sapere prima della sua chiusura, su TuttoAndroid. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  6. ^ Informazioni sulla disattivazione di Google Play Musica - Guida di Google Play Musica, su support.google.com. URL consultato il 31 ottobre 2020.
  7. ^ Google Play Music: limite di upload alzato a 50.000 brani per utente, su Rockol, 26 febbraio 2015. URL consultato il 7 ottobre 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica