Gunnlaugs saga ormstungu

(Reindirizzamento da Gunnlaugs saga)

La Gunnlaugs saga ormstungu (in italiano: Saga di Gunnlaugr Lingua di serpente), chiamata anche solo Gunnlaugs saga, è una saga degli Islandesi scritta in norreno in Islanda intorno alla fine del XIII secolo, preservatasi intera solo in manoscritti più recenti; questa saga contiene 25 versi di poesia scaldica attribuita ai personaggi principali, ed è un'opera importante sia per la storia della letteratura islandese sia per quella della letteratura norvegese.

Ei skal haltr ganga.jpg

La Gunnlaugs saga narra la storia di due poeti islandesi, Gunnlaugr ormstunga e Hrafn Önundarson, e della loro competizione per guadagnare l'amore di Helga la Bella, nipote di Egill Skalla-Grímsson. La saga si apre con un sogno profetico di due aquile che combattevano per un cigno, prefigurando il triangolo amoroso della storia. La narrazione segue poi Gunnlaugr e simpatizza con lui mentre descrive la sua ambiziosa carriera come poeta di corte attraverso la Scandinavia e le Isole Britanniche; egli compete con Hrafn prima in versi e poi in una vera battaglia.

La saga presenta somiglianze con le prime saghe, come la Kormáks saga e la Bjarnar saga, ma è più raffinata ed elegante e presenta forte caratterizzazione ed impatto emotivo. A lungo considerata un capolavoro, la Gunnlaugs saga è spesso letta agli studenti che si accostano per la prima volta alla letteratura norrena[1]. Stampata in traduzione latina commentata già nel 1775, essa è stata la prima saga degli Islandesi ad essere pubblicata in versione critica[2].

NoteModifica

  1. ^ Poole 2001:2.
  2. ^ Hansen 2005:62.

BibliografiaModifica

  • Gunnlaugs saga ormstungu in Íslenzk Fornrít (volume III), G. Jónsson e S. Nordal (editori), Reykjavík, 1938.
  • La saga di Gunnlaugr Lingua di serpente, Gianna Chiesa Isnardi, Alessandria, 1999.
  • The Book As Artefact: Text And Border, Anne Mette Hansen et al., Rodopi, 2005, ISBN 90-420-1888-7.
  • Skaldsagas: Text, Vocation, and Desire in the Icelandic Sagas of Poets, Russell Poole, Walter de Gruyter, 2001, ISBN 3-11-016970-3.
  • The Saga of Gunnlaug Serpent-Tongue. Translated by Katrina C. Attwood. In: Viðar Hreinsson (General Editor): The Complete Sagas of Icelanders including 49 Tales. Reykjavík: Leifur Eiríksson Publishing, 1997. Volume I, pp. 305-333. ISBN 9979-9293-1-6.
  • The saga of Gunnlaug Snake-Tongue together with The tale of Scald-Helgi. Translated and introduced by Alan Boucher. 93 p. Reykjavík: Iceland Review, 1983 (Iceland Review saga series).
  • "The Saga of Gunnlaug Serpent-Tongue" in The Sagas of Icelanders, Örnólfur Thorsson (editore), Katrina C. Attwood (traduttore), Penguin Books, 2001, ISBN 0-14-100003-1; pagine 558-594.
  • I miti nordici, Gianna Chiesa Isnardi, Longanesi, Milano, 1991, ISBN 88-304-1031-4; pagine 688 e 694.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica