Hatti (popolo)

antico popolo che visse nella terra di Hatti
Hatti
Nomi alternativiHattiti[1] o Ḫatti o Khatti
Luogo d'origineTurchia Turchia, Anatolia, Paese di Hatti
LinguaLingua hattica

Gli Hatti o preittiti[2] (o Ḫatti o Hattiti[1] o Khatti) erano un antico popolo non-indoeuropeo[2] che si insediò in Anatolia (in Turchia) detta anche "terra di Hatti" e subirono varie ondate migratorie dei popoli indoeuropei fra il 2500[3] e 1700 a.C..

L'Impero ittita (in rosso), attorno al 1290 a.C., che rimpiazzò gli Hatti e in verde il dominio egizio.

StoriaModifica

Gli Hatti furono il primo popolo a realizzare un centro abitato in muratura: Çatal Hüyük, la cui caratteristica era di non avere strade ma case tutte attaccate, a cui si accedeva tramite scale a pioli appoggiate sui tetti a lastrico solare e passando da un tetto all’altro.

Gli Hatti sapevano lavorare i metalli e la ceramica. Amavano l'arte pittorica, che utilizzavano per scopi sia religiosi che ornamentali. Erano per la gran parte pastori e si avvalevano dell'aiuto del cane. Curavano l'abbigliamento e fabbricavano tessuti che venivano anche tinti. Dai resti ritrovati negli scavi archeologici si può dedurre che avessero un'alimentazione abbastanza varia e una discreta cura dei denti e dell'igiene del corpo.

Non avendo questo popolo lasciato testimonianze scritte dirette, ciò che oggi si sa sugli Hatti viene da testimonianze indirette di altre popolazioni e dagli scavi archeologici. È probabile che i sovrani Hatti usassero scribi che scrivevano in accadico per condurre gli affari in Mesopotamia. L'antico nome dell'Anatolia centrale, cioè "Paese di Hatti", compare per la prima volta in tavolette mesopotamiche in cuneiforme degli Accadi (seconda metà del III millennio a.C.), tavolette in cui i mercanti assiri chiedono aiuto al re accadico Sargon. Il toponimo continuò a essere usato fino al 630 a.C., come dimostrano le cronache assire.

Questo popolo parlava una lingua non indoeuropea, connessa con quella dei Khaldi/Kardu. Alla fine questo popolo si mescolò con gli Ittiti, che parlavano una lingua indoeuropea.

Gli Hatti erano organizzati in città-stato e piccoli regni teocratici che furono poi conquistati a uno a uno dagli Ittiti dopo il 2200 a.C. Anche dopo questa conquista gli Hatti continuarono a rappresentare la maggior parte della popolazione. Per questa ragione influenzarono molto gli Ittiti, che dagli Hatti presero gran parte della religione e della mitologia. La differenza tra Hatti e Ittiti emerge anche dalle descrizioni che gli Egizi danno in occasione della Battaglia di Kadesh, che parlano di individui molto diversi tra loro nell'aspetto.[senza fonte]

NoteModifica

  1. ^ a b Brandau e Schickert, p. 30.
  2. ^ a b Hatti, in Dizionario di storia, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010. URL consultato il 5 ottobre 2021.
  3. ^ Brandau e Schickert, p. 17.

BibliografiaModifica

  • Ekrem Akurgal, The Hattian and Hittite Civilizations, Publications of the Republic of Turkey, Ministry of Culture, 2001; 300 pagg.
  • Birgit Brandau e Hartmut Schickert, Gli Ittiti, Newton Compton editori s.r.l, 2006.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica