Heliotropium

genere di pianta della famiglia Boraginaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Heliotropium
Heliotropium foertherianum 0028.jpg
Heliotropium foertherianum
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Lamiales
Famiglia Boraginaceae
Genere Heliotropium
Tourn. ex L.
Classificazione APG
Ordine Boraginales
Famiglia Boraginaceae
Specie

Heliotropium Tourn. ex L. è un genere di piante della famiglia delle Boraginacee.[1]

DescrizioneModifica

Comprende piante annuali o perenni, erbacee o arbustive, più o meno ispide o pubescenti e con le foglie membranose.[senza fonte]

I fiori pentameri sono portati su cime ramose e senza brattee che possono assumere posizione terminale o pseudoascellare. I calici, generalmente divisi in lobi fino alla base, possono essere caduchi o persistenti alla fruttificazione. La corolla, bianca nelle piante annuali e purpurea in quelle perenni; ha forma ipocrateriforme con il tubo solitamente senza scaglie e il lembo suddiviso in lobi più o meno fino alla base e con denti tra i lobi. Gli stami sono inclusi. Anche lo stilo è incluso e generalmente è molto corto con lo stimma largo, disciforme e aspetto conico o arrotondato, intero o 2-4 lobato.

Il frutto secco, è generalmente diviso in due o quattro nucule, a volte è monospermo e quindi intero.

Distribuzione e habitatModifica

Il genere Heliotropium ha una distribuzione pressoché cosmopolita essendo presente in tutti i continenti eccetto l'Antartide.[1]

Abitualmente vegeta in habitat secchi e scoperti, in particolar modo in terreni coltivati o suoli sabbiosi.

TassonomiaModifica

Il genere comprende oltre 300 specie.[1]

Specie in ItaliaModifica

Secondo Pignatti, le specie presenti in Italia, distribuite in modo non uniforme nelle diverse regioni, spesso rare e talvolta inselvatichite perché sfuggite alla coltura, sono:

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Heliotropium, in Plants of the World Online, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew.

BibliografiaModifica

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Ed. Edagricole, Bologna 1982. ISBN 88-506-2449-2
  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et Alii, Flora Europea, Cambridge University Press 1976. ISBN 0-521-08489-X

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica