Apri il menu principale

Henry FitzRoy, I duca di Grafton

generale britannico
Coronet of a British Duke.svg
Henry FitzRoy, I duca di Grafton
1st Duke of Grafton.jpg
Ritratto di Henry FitzRoy, I duca di Grafton
Duca di Grafton
Stemma
In carica 1675 –
1690
Predecessore Titolo inesistente
Successore Charles FitzRoy, II duca di Grafton
Nascita 28 settembre 1663
Morte 9 ottobre 1690
Dinastia FitzRoy
Padre Carlo II d'Inghilterra
Madre Barbara Palmer
Consorte Isabella Bennet

Henry FitzRoy, I duca di Grafton (28 settembre 16639 ottobre 1690), è stato uno dei figli naturali del re d'Inghilterra Carlo II Stuart, avuto dalla sua amante Barbara Palmer.

BiogragfiaModifica

Nato nel 1663, Henry era uno dei figli illegittimi avuti da re Carlo II d'Inghilterra con la sua amante, Barbara Palmer.

Nell'agosto 1672 sposò Isabella, figlia ed erede di Lord Henry Bennet, primo conte di Arlington. Dal matrimonio nacque Charles FitzRoy, secondo duca di Grafton.

Appena prima dell'organizzazione del matrimonio, Henry fu nominato barone di Sudbury, visconte di Ipswich e conte di Euston; nel 1675 ottenne il titolo di duca di Grafton mentre nel 1680 Carlo lo investì degli onori derivanti dall'essere membro dell'Ordine della Giarrettiera. Nel 1681 gli venne anche affidata una carica militare: fu infatti nominato colonnello dei granatieri reali.

Entrato in marina, partecipò all'assedio francese di Lussemburgo del 1684. All'incoronazione di suo zio Giacomo II, aveva il titolo di Lord Alto Connestabile. Durante la ribellione del fratello James Crofts, rimase fedele al sovrano e, presso Somerset, guidò l'esercito reale.

In seguito si unì a John Churchill che, ottenuto il comando di truppe reali per fermare l'avanzata dell'esercito di Guglielmo III d'Orange e dei nobili inglesi protestanti, tradì la causa reale e si unì alle forze olandesi aristocratici.

Morì per una ferita infertagli presso la città di Cork nel 1690.

OnorificenzeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN23557106 · ISNI (EN0000 0000 2647 2752 · LCCN (ENn84233819 · GND (DE1019089660 · CERL cnp01420332 · WorldCat Identities (ENn84-233819