Ho una moglie pazza, pazza, pazza

film del 1964 diretto da Jean Boyer
Ho una moglie pazza, pazza, pazza
Ho una moglie pazza, pazza, pazza.jpg
Fernandel e Sandra Milo in una scena del film
Titolo originaleRelaxe-toi chérie
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1964
Durata85 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaJean Boyer
SoggettoJean Bernard-Luc
SceneggiaturaJean Boyer
Produttore esecutivoRoger de Broin
Casa di produzioneCeves Films, Les Films Corona, Zebra Films
Distribuzione in italianoCineriz
FotografiaRobert Lefebvre
MontaggioJacqueline Brachet
MusicheGuy Magenta
ScenografiaRobert Giordani
TruccoPierre Berroyer
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ho una moglie pazza, pazza, pazza (Relaxe-toi chérie) è un film del 1964 diretto da Jean Boyer.

TramaModifica

Hélène e François sono una coppia felice da dodici anni. La donna ha scoperto le bellezze della psicoanalisi nelle vesti dell'attraente David Kouglow. Convintasi che l'eccellente salute e la fedeltà del marito nascondano tragedie orribili, decide di farsi aiutare da tre sue amiche in modo che il marito possa adempiere al necessario "transfert", ovvero a una evasione erotica extraconiugale. Ma François scopre la verità; organizza così una serata speciale dove, dopo la riconciliazione coniugale, il medico vedrà a casa un altro complesso: quello di Filemone e Bauci, lasciando intendere alcuni piccoli drammi familiari in prospettiva.

ProduzioneModifica

CriticaModifica

«[...] combina l'intramontabile Fernandel con l'ascendente Sandra Milo, due temperamenti comici dalla cui congiunzione era lecito aspettarsi qualcosa di più che non questa epidermica e alquanto stiracchiata satiretta della psicanalisi affidata al sempiterno motivo del matrimonio [...]»

(Leo Pestelli su La Stampa del 18 dicembre 1964[1])

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema