Apri il menu principale

International Correspondence Chess Federation

(Reindirizzamento da ICCF)
Éric Ruch, presidente ICCF dal 2009

L'International Correspondence Chess Federation, in acronimo ICCF, è la federazione degli organismi nazionali che gestiscono il gioco per corrispondenza, ovvero quelle partite di scacchi realizzate tramite lo scambio di messaggi postali cartacei o elettronici.

Indice

StoriaModifica

L'ICCF, riconosciuta dalla Fédération internationale des échecs, (FIDE) fu fondata nel 1951, incorporando la precedente ICCA (International Correspondence Chess Association) nata nel 1945, che, a sua volta, aveva preso il posto della IFSB (Internationaler Fernschachbund), creata nel 1928 a Berlino.

AttivitàModifica

I tornei più importanti organizzati dall'ICCF sono le Olimpiadi per squadre nazionali (ovverosia il campionato mondiale a squadre) e il campionato mondiale individuale.

Tutti i campionati, le classifiche e i titoli ICCF sono riconosciuti dalla FIDE.

L'ICCF conferisce i titoli di:

  • GM Grande Maestro internazionale
  • SIM Maestro internazionale senior
  • IM Maestro internazionale
  • CCM Correspondence Chess Master (le donne fino al 2021 potranno optare per la scelta del titolo di LGM Grande maestro internazionale femminile)
  • CCE Correspondence Chess Expert (le donne fino al 2021 potranno optare per la scelta del titolo di LIM Maestro internazionale femminile)
  • IA Arbitro internazionale.

OrganizzazioneModifica

Presidente dell'ICCF è, dal 20 maggio 2009, il francese Éric Ruch.

Aderiscono attualmente all'ICCF 67 organismi nazionali, ai quali fanno capo alcune migliaia di giocatori.

All'interno dell'ICCF le federazioni nazionali sono suddivise in 3 "Zone": Europa (ICCF-Europa), Mondo (WZ) e Asia/Africa (ICCF Afro-Asia).[1] Il membro italiano dell'ICCF è l'Associazione scacchistica italiana giocatori per corrispondenza (ASIGC).

NoteModifica

  1. ^ (EN) Nations & Zones, su iccf.com. URL consultato il 17 maggio 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENnr93015784
  Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi