Apri il menu principale
IRIS-T
IRIS-T air-to-air-missile.jpg
Modello in scala 1:1 di un missile IRIS-T, installato sotto l'ala di un Eurofighter Typhoon
Descrizione
Tipomissile aria-aria
Impiegosubalare
Sistema di guidainfrarossa
CostruttoreDiehl BGT Defence
Impostazione2005
Utilizzatore principaleGermania Luftwaffe
Italia Aeronautica Militare
  • Grecia
  • Spagna
  • Svezia
  • Austria
  • Norvegia
Costo400.000 Euro (1 unità)
Peso e dimensioni
Peso87,4 kg
Lunghezza2.936 mm
Larghezza574 mm (comprese alette stabilizzatrici)
Diametro127 mm
Prestazioni
Gittata25 km
Velocità massimaMach 3
Motorerazzo a combustibile solido
SpolettaHE/ a frammentazione
noteverrà utilizzato come parte dell'armamento standard dell'Eurofighter Typhoon, F-16, F-4 Phantom II, F-18 Hornet, Saab Gripen e Panavia Tornado
voci di missili presenti su Wikipedia

IRIS-T (acronimo di Infra Red Imaging System Tail-Thrust Vector Controlled) è un tipo di missile aria-aria a corto raggio che utilizza un sistema di rilevamento e inseguimento del bersaglio mediante una cellula all'infrarosso. Questo tipo di missile è destinato a sostituire l'AIM-9L/M Sidewinder. Il missile incorpora una telecamera ad infrarossi con inquadratura variabile con ± 90 gradi di capacità. Il sensore infrarosso ad immagine della telecamera "vede" l'obbiettivo (in maniera simile ad una videocamera digitale) ed è in grado di discriminare tra la sagoma di un aeroplano ed una fonte puntiforme di calore come un flare.

StoriaModifica

Negli anni ottanta, la Germania dell'Ovest era un partner del Regno Unito nel programma ASRAAM. Ma dopo la riunificazione la Germania si ritrovò una grande quantità di missili AA-11 Archer e concluse che le capacità degli AA-11 erano state notevolmente sottovalutate. In particolare, fu osservato che erano molto più manovrabili e più performanti in termini di acquisizione ed inseguimento del bersaglio. Queste conclusioni portarono la Germania a rivedere alcuni aspetti del progetto dell'ASRAAM, cioè la mancanza di spinta direzionale per supportare la manovrabilità. Tedeschi e Britannici non arrivarono ad un accordo sul progetto dell'ASRAAM, così nel 1990 la Germania si ritirò dall'ASRAAM.

Nel 1995, la Germania annunciò lo sviluppo del programma IRIS-T, in collaborazione con Grecia, Italia, Norvegia, Svezia e Canada. Il Canada in seguito uscì dal consorzio.

La divisione del lavoro per lo sviluppo dell'IRIS-T sono:

  • Germania 46%
  • Italia 19%
  • Svezia 18%
  • Grecia 13%
  • il rimanente diviso tra Canada e Norvegia.

Nel 2003 si è unita anche la Spagna.

I primi esemplari sono stati consegnati alla Luftwaffe nel dicembre 2005.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica