I Memphis

gruppo musicale italiano
I Memphis
Paese d'origineItalia Italia
GenereBeat
Periodo di attività musicale1966 – 1968
EtichettaColumbia, La voce del padrone

I Memphis sono stati un gruppo musicale italiano, di genere beat formato nel 1965 a Verona.

Storia de i MemphisModifica

Origini e contestoModifica

Nella Verona degli anni '60 il movimento del Veronabeat (che prendeva a prestito la pratica inglese di definire le singole scene cittadine con un nome caratterizzante come Merseybeat e Tottenham Sound) fu uno dei più fiorenti in Italia contando più di 300 band attive in città[1]. A consacrare e divulgare la scena cittadina vi era poi la rivista omonima, che parlava esclusivamente delle band veronesi[2]. In questo contesto molte band arrivano al successo, incidendo anche con etichette importanti e major. Tra i nomi più noti vi furono i Kings, gli Alligatori, i Condors e gli Alpha Centauri[2][1]. I Memphis si formarono nel 1966 ed erano originariamente composti da Silvano Zerlotti alla voce, Luciano Borghetto alla chitarra solista, Pino Onor al basso, Giampaolo Zanini alla chitarra ritmica, Paolo Onor alla batteria e Roberto Boraso all'organo elettrico[1].

1966: Il contratto con la Columbia ed il primo successoModifica

Nel 1966 i Memphis ottennero un contratto con la Columbia e nello stesso anno incisero il loro primo 45 giri intitolato Gli amici miei / Come il tempo (1966), cover rispettivamente di You're So Good To Me di The Beach Boys[1] e di Time Won't Let Me di The Outsiders. Nei concerti che seguirono i Memphis ottennero anche un certo clamore al Piper Club di Roma, locale simbolo del beat italiano[3].

1967: Che farò / Sono una rocciaModifica

Dopo un cambio di formazione, incidono un nuovo 45 giri nel 1967 con i brani Che farò / Sono una roccia, cover rispettivamente di Bad Times di The Roulettes (con il testo italiano di Francesco Guccini[3]) e di I'm A Rock di Simon & Garfunkel[1].

Si sciolgono nel 1968.

FormazioneModifica

DiscografiaModifica

SingoliModifica

RaccolteModifica

  • 1966 - La Voce del Padrone - Disco Promozionale - con i brani Gli Amici Miei e Come Il Tempo
  • 1967 - Estate e Musica - con il brano Gli Amici Miei
  • 1989 - Ricorda con Rabbia - con il brano Gli Amici Miei
  • 1993 - Quei Favolosi Anni '60 ● 1966 - 11 - con il brano Gli Amici Miei
  • 2000 - Magic Bitpop Vol. 16 - con i brani Gli Amici Miei, Come Il Tempo, Che Farò e Sono Una Roccia

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Alessio Marino, musicaememoria.com, Gennaio 2008, https://www.musicaememoria.com/verona_beat.htm.
  2. ^ a b Marco Dellabella, Da Woodie Guthrie a Woodstock. Nascita e sviluppo della musica rock dalle radici folk e blues al movimento hippy, Kipple officina libraria, 2009, p. 124.
  3. ^ a b Francesco Guccini e Massimo Cotto, Un altro giorno è andato: Francesco Guccini si racconta a Massimo Cotto, Giunti Editore, 1999, p. 64.

BibliografiaModifica

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Il dizionario della canzone italiana, editore Armando Curcio (1990); alla voce Memphis, di Roberto Ruggeri, pag. 1055
  • Claudio Pescetelli, Una generazione piena di complessi, editrice Zona, Arezzo, 2006; alla voce Memphis, pag. 187
  • Alessio Marino. BEATi voi! - Interviste e riflessioni con i complessi degli anni 60 e 70 - N.1 e n.2 (I libri della Beat boutique 67 - vol.1 e vol.2) - I Memphis sono presenti in due speciali sulla Verona Beat anni 60 assieme ad altri complessi beat.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock