Apri il menu principale

Ichnusa (piroscafo)

piroscafo della Regia Marina
Ichnusa
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipopiroscafo
ProprietàRegia Marina
Varo1928
Caratteristiche generali
Lunghezza64,92 m
Larghezza10,52 m
Pescaggio5 metri m
Propulsionemotrice a vapore di 1190 cavalli indicati, alimentata da tre caldaie a nafta:
Velocità12 nodi (22 km/h)
voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia

Ichnusa era originariamente un piroscafo; acquisito durante la seconda guerra mondiale dalla Regia Marina ed iscritto nel naviglio ausiliario (I.N.A.) con sigla militare DM16, venne attrezzato per il dragaggio magnetico.

Indice

Cenni storiciModifica

Fu varata nel 1928 nel cantiere Odero di Genova Foce e appartenente alla società Tirrenia di Navigazione; il suo numero di matricola era il 1559 (iscrizione al Compartimento di Genova).

Si racconta della sua potenza magnetica che causò diversi incidenti alle bussole magnetiche delle navi vicine.[1].

Nel 1941 fu inviata al Pireo dove svolse una figura di appoggio e mensa per gli ufficiali delle varie squadre impegnate. Venne impegnata come dragamine di La Spezia insieme alle altre con gli altri DM Emilia Madre, Raffaelluccia, Dora G.M. 60.

Rimase danneggiata durante l'operazione del 30 aprile 1943 quando riuscì a far brillare due torpedini. Venne affondata in seguito all'armistizio e recuperata per effettuare servizio mercantile.

Caratteristiche tecnicheModifica

  • 1241 tonnellate di stazza;
  • 687 tonnellate di stazza netta;
  • 1120 tonnellate di portata lorda;

NoteModifica

  1. ^ Storia Illustrata, n.251 ottobre 1978, pag.12

BibliografiaModifica

  • Storia Illustrata,n.251, ottobre 1978, Mondadori.
  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina