Apri il menu principale

Idruro di diisobutilalluminio

composto chimico
Idruro di diisobutilalluminio
Formula dell'idruro di diisobutilalluminio dimero
Modello dell'idruro di diisobutilalluminio dimero
Nomi alternativi
DIBAL, DIBAL-H, DIBALH, DIBAH
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC8H19Al
Peso formula (u)142,22 (monomero)
Aspettoliquido[1]
Numero CAS1191-15-7
Monomero 3D
Numero EINECS214-729-9
PubChem14487
SMILES
CC(C)C[AlH]CC(C)C
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)0,798[1]
Solubilità in acquareazione violenta[1]
Temperatura di fusione−80 °C (193 K)[2]
Temperatura di ebollizione114 °C (387 K)[2]
Indicazioni di sicurezza
Punto di fiamma−18 °C (255 K)[1]
Simboli di rischio chimico
infiammabile corrosivo
pericolo
Frasi H225 - 250 - 261 - 314 [1]
Consigli P210 - 222 - 231+232 - 280 - 305+351+338 - 422 [1]

L'idruro di diisobutilalluminio è il composto metallorganico di formula (i-Bu2AlH)2, dove i-Bu rappresenta il gruppo isobutile (-CH2CH(CH3)2). Il nome del composto è variamente abbreviato come DIBAL, DIBAL-H, DIBALH, DIBAH. Questo reattivo di organo-alluminio, inizialmente studiato come co-catalizzatore per la polimerizzazione di alcheni,[3] viene impiegato come riducente in sintesi organica.[4] Il prodotto è disponibile in commercio sia puro che in soluzione di solventi organici come tetraidrofurano ed esano; la sua reattività è intermedia tra quella del tetraidroalluminato di litio (LiAlH4) e quella del boroidruro di sodio (NaBH4).

SintesiModifica

Il composto può essere ottenuto riscaldando triisobutilalluminio in forma dimera per indurre una beta eliminazione dell'idrogeno:[5]

(i-Bu3Al)2 → (i-Bu2AlH)2 + 2 (CH3)2C=CH2

ProprietàModifica

Come per la maggior parte dei composti di organo-alluminio, la struttura del composto è più complessa di quella suggerita dalla formula minima. Dati ottenuti con tecniche diverse suggeriscono che il composto formi dimeri (vedi figura) e trimeri, contenenti centri di alluminio tetracoordinato che condividono leganti a ponte idruro.[6]

Utilizzo in sintesi organicaModifica

Il composto è utile in sintesi organica per svariate reazioni di riduzione, ad esempio per la conversione di acidi carbossilici e nitrili ad aldeidi. DIBAL riduce efficacemente gli esteri α-β insaturi al corrispondente alcool allilico.[7] LiAlH4 riduce invece esteri e cloruri acilici ad alcoli primari, e i nitrili ad ammine primarie. DIBAL reagisce lentamente con composti poveri di elettroni, e più velocemente con composti ricchi di elettroni; in questo senso DIBAL è un riducente elettrofilo, mentre LiAlH4 può essere considerato un riducente nucleofilo.

Sebbene DIBAL riduca in modo affidabile i nitrili ad aldeidi, la riduzione degli esteri allo stesso gruppo funzionale è una reazione tremendamente esigente che in pratica porta a miscele di alcoli e aldeidi. Questa difficoltà è stato risolta con un attento controllo delle condizioni di reazione tramite un sistema chimico a flusso continuo.[8]

Tossicità / Indicazioni di sicurezzaModifica

Il composto si infiamma spontaneamente all'aria e reagisce violentemente con acqua liberando idrogeno gassoso (infiammabile). Danneggia gravemente la pelle, le mucose e le vie respiratorie; provoca gravi lesioni oculari. Non ci sono dati che indichino proprietà cancerogene.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia