Bârghiș

comune della Romania nel distretto di Sibiu
(Reindirizzamento da Ighișu Vechi)

Bârghiș (in dialetto sassone Berjesch, in ungherese Bürkös, in tedesco Bürgisch) è un comune della Romania di 2.130 abitanti, ubicato nel distretto di Sibiu, nella regione storica della Transilvania.

Bârghiș
comune
Bârghiș – Veduta
Bârghiș – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera della Romania Romania
Regione Transilvania
Distretto Sibiu
Territorio
Coordinate45°59′N 24°32′E / 45.983333°N 24.533333°E45.983333; 24.533333 (Bârghiș)
Superficie99,90 km²
Abitanti1 953 (2011)
Densità19,55 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale557035
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Romania
Bârghiș
Bârghiș
Bârghiș – Mappa
Bârghiș – Mappa
Posizione del comune all'interno del distretto
Sito istituzionale

Il comune è formato dall'unione di 6 villaggi: Apoș (Abtsdorf), Bârghiș, Ighișu Vechi (Libesdorf), Pelișor (Magerau), Vecerd (Busshardt), Zlagna (Goldmarkt).

I villaggi sono ricordati da documenti storiche nei primi anni del XIV secolo.

Monumenti e luoghi d'interesse modifica

Bârghiș modifica

 
Chiesa di Apod

Il villaggio è la sede comunale ed è ricordato per la prima volta in un documento del 1337. Vi sorgono la piccola chiesa evangelica, costruita nel XVIII secolo e la chiesa ortodossa dedicata a San Giorgio risalente al XVII secolo.

Chiesa evangelica di Apos modifica

L'insediamento è stato abitato sin dall'età del bronzo, fatto confermato dai rinvenimenti di reperti archeologici; la prima menzione storica è del 1322. Nel Medioevo la città era di proprietà del monastero cistercense di Cârța, da cui deriva il toponimo tedesco Appesdorf (villaggio dell'abate). La 'Chiesa evangelica, fu costruita all'inizio del XV secolo in stile gotico, trasformata nel XVIII secolo; ha una sola navata con coro absidale poligonale sorretto da contrafforti. Il campanile fu costruito nel 1799.
È in cattivo stato di conservazione.

Chiesa fortificata di Pelișor modifica

 
Chiesa di Pelisor

La prima attestazione documentaria dell'insediamento risale al 1357; alla fine del XVIII secolo un violento incendio distrusse parte del villaggio. La chiesa fu costruita nel XV secolo con una navata e il coro a volta. Il campanile, alto cinque piani, fu probabilmente eretto nel primo decennio del XVI secolo ospita una piccola campana, datata 1512. L'ingresso alla chiesa avviene attraverso due portali decorati in stile gotico, uno a meridione e l'altro ad occidente.

L'organo della chiesa, in stile barocco datato 1796, ed è stato spostato nel 1998 nella chiesa evangelica di Bucarest. La cerchia difensiva fu eretta fra la fine del XV secolo e all'inizio del XVI secolo. È un recinto poligonale con quattro torri angolari e contrafforti a sostegno delle mura. L'ingresso carraio avveniva dalla torre a sud-est che aveva una massiccia saracinesca che si poteva sollevare.

Sul lato orientale si trova invece una piccola torre a difesa dell'accesso pedonale alla chiesa. Le mura erano difese da altre due massicce torri sugli angoli a sud-ovest e nord-ovest (ora distrutta). Nel XVII secolo per rinforzare la parte più esposta del colle, ad ovest, fu eretto un muro alto circa 10 metri con camminamenti di ronda, feritoie e caditoie. Davanti al muro che raddoppiava la fortificazione, fu infine scavato un fossato di difesa.

Chiesa evangelica di Zlagna modifica

 
Chiesa di Zlagna

La piccola chiesa gotica fu costruita nel XV secolo: è un edificio a forma di aula, sostenuta da contrafforti, e un coro poligonale con arco e volta ogivale, ricostruito nel 1868. Il campanile, separato di 2 metri dall'abside, fu eretto nel 1828-1830. È in cattivo stato di conservazione.

La rivolta di Vecerd modifica

Nella primavera del 1848 i servi dei villaggi di Ghijasa de Sus, Ighișu Vechi, Bârghiș, Vecerd e Coveș si riunirono nel villaggio, iniziando una rivolta contro i nobili, uccidendone alcuni e catturandone altri. I capi della rivolta furono poi catturati e impiccati nella collina della forca.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  Portale Romania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Romania