Il californiano

film del 1965 diretto da Boris Sagal
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film del 1937, vedi Il californiano (film 1937).
Il californiano
Titolo originaleGuns of Diablo
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1965
Durata91 min
Rapporto1,85 : 1
Generewestern
RegiaBoris Sagal
SoggettoRobert Lewis Taylor
SceneggiaturaBerne Giler
ProduttoreBoris Ingster
Casa di produzioneMetro-Goldwyn-Mayer
FotografiaJohn M. Nickolaus Jr.
MontaggioHarry Coswick
MusicheLeigh Harline, Walter Scharf, Harry Sukman
ScenografiaGeorge W. Davis, Addison Hehr
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il californiano (Guns of Diablo) è un film statunitense del 1965 diretto da Boris Sagal.

È un film western con protagonisti Charles Bronson, Susan Oliver e un giovane Kurt Russell. È basato sul romanzo The Travels of Jamie McPheeters di Robert Lewis Taylor. Il film è tratto da due episodi della serie televisiva The Travels of Jaimie McPheeters.[1]

TramaModifica

Linc Murdok, detto il "Californiano", guida di una carovana diretta verso le terre dove da poco è stato scoperto l'oro, durante una sosta nella città di Devil's Gap, rivede Maria, la donna da lui amata alcuni anni prima e che egli era convinto di averla uccisa per errore durante un'imboscata tesagli dal rivale Rance. Tra Linc e Maria rinasce l'amore e quando Rance - ora marito della donna - si rende conto che i due sono in procinto di fuggire insieme, raduna i suoi fratelli e cattura il "Californiano": tuttavia Maria, con l'aiuto di Jaimie, un ragazzo di dodici anni amico di Linc, riesce a farlo fuggire. Successivamente i due rivali decidono di regolare i vecchi conti con un duello nelle vie deserte di Devil's Gap: gli uomini di Rance intervengono slealmente nella sparatoria ma cadono uno ad uno sotto i colpi di Linc, di Jaimie e di un vecchio cercatore d'oro schieratosi provvidenzialmente dalla loro parte. Nello scontro, purtroppo, il vecchio riporta una ferita mortale: sentendosi prossimo alla morte, lascia in eredità al piccolo Jaimie una ricca miniera d'oro da lui scoperta. Alla testa della carovana, Linc e Maria riprendono insieme il viaggio verso la California.

ProduzioneModifica

Il film, diretto da Boris Sagal su una sceneggiatura di Berne Giler con il soggetto di Robert Lewis Taylor (autore del romanzo),[2] fu prodotto da Boris Ingster per la Metro-Goldwyn-Mayer[3] e girato nei Metro-Goldwyn-Mayer Studios a Culver City in California[4]

DistribuzioneModifica

Il film fu distribuito negli Stati Uniti nel 1965[5] al cinema dalla Metro-Goldwyn-Mayer.[3]

Alcune delle uscite internazionali sono state:[5]

  • in Germania Ovest il 29 gennaio 1965 (...und knallten ihn nieder)
  • in Francia il 2 settembre 1970 (Le californien)
  • in Finlandia il 9 ottobre 1970 (Ruuti palaa)
  • in Portogallo il 17 giugno 1971 (O Califórnia)
  • in Danimarca il 13 dicembre 1971 (Den enarmede hævner)
  • in Turchia il marzo 1973 (Kötü Adam)
  • in Polonia (Diabelska bron)
  • in Svezia (Diablo - laglös stad)
  • in Venezuela (El californiano)
  • in Spagna (Las pistolas del diablo)
  • in Grecia (Ta tria adelfia ekdikountai)
  • in Italia (Il californiano)

CriticaModifica

Secondo il Morandini il film è un "western di viaggio con un classico risvolto sentimentale (il passato che ritorna e si chiama Maria)". Anche se convenzionale e "un po' enfatico" risulta comunque rispettabile.[6]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Il californiano, su AllMovie, All Media Network.
  2. ^ Il californiano - IMDb - Cast e crediti completi, su imdb.com. URL consultato il 16 settembre 2012.
  3. ^ a b Il californiano - IMDb - Crediti per le compagnie di produzione e distribuzione, su imdb.com. URL consultato il 16 settembre 2012.
  4. ^ Il californiano - IMDb - Luoghi delle riprese, su imdb.com. URL consultato il 16 settembre 2012.
  5. ^ a b Il californiano - IMDb - Date di uscita, su imdb.com. URL consultato il 16 settembre 2012.
  6. ^ Il californiano, in MYmovies.it, Mo-Net Srl.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema