Apri il menu principale

Il pescatore/Marcia nuziale

singolo di Fabrizio De André del 1970
Il pescatore/Marcia nuziale
ArtistaFabrizio De André
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1º gennaio 1970
Durata5:29
Dischi1
Tracce2
GenereFolk rock
EtichettaBelldisc, Liberty Records
ProduttoreRoberto Dané
Certificazioni
Dischi di platinoItalia Italia[1]
(vendite: 50 000+)
Fabrizio De André - cronologia
Singolo precedente
(1968)

Il pescatore/Marcia nuziale è un 45 giri del cantautore italiano Fabrizio De André.

Indice

Il discoModifica

La prima canzone all'uscita del disco è inedita, la seconda era già stata pubblicata nel 1967 nell'album Volume I.

Il titolo è stato distribuito in due differenti edizioni, la prima con copertina apribile ed i testi all'interno, la seconda invece a busta singola con le parole sul retro.

La prima stampa venne curata dalla Belldisc, ma ne vennero realizzate pochissime copie, poiché Antonio Casetta chiuse l'etichetta per fondare la Produttori Associati; il disco, nell'attesa che la nuova casa discografica iniziasse l'attività, venne ristampato dalla Liberty Italia, e questa è la versione più facilmente reperibile.

Il pescatoreModifica

Il pescatore è una canzone scritta dallo stesso De André per il testo e da Gian Piero Reverberi e Franco Zauli per la musica. Una delle canzoni più celebri di De André, racconta l'incontro tra un vecchio pescatore che si è addormentato al tramonto e un assassino in fuga; il criminale chiede vino da bere e pane da mangiare al pescatore e il vecchio lo accontenta, senza curarsi del suo status di fuorilegge («ma versò il vino e spezzò il pane/ per chi diceva, ho sete, ho fame»); dopo che il fuggiasco è scappato, arrivano due gendarmi a cavallo che chiedono al pescatore se avesse visto l'assassino, ma il vecchio non risponde in quanto finge di essersi riaddormentato. Il pescatore che non giudica ma aiuta chi è in difficoltà (l'assassino potrebbe anche essere un perseguitato politico, ma questo non viene detto) e non collabora con i "giustizieri" della legge, è in linea con le convinzioni anarchiche di De André.[2][3]

Come per altre ballate di De André, la struttura musicale è quasi elementare: quattro accordi in tutto. La linea melodica è senza virtuosismi in quasi ogni grado della scala tonale. Due chitarre acustiche sono di accompagnamento mentre una chitarra elettrica risponde alla voce della strofa. Le strofe, a loro volta, vengono separate dalla frase a fischio per dare respiro al canto narrato.[4]

CoverModifica

Nel 1979 "Il pescatore" fu completamente riarrangiata dalla Premiata Forneria Marconi in occasione della tournée congiunta con De André. La nuova versione, molto più mossa, fu da allora eseguita preferenzialmente da De André anche nei suoi concerti degli anni successivi.

Il brano è stato inciso anche dalla stessa PFM nell'album dal vivo PFM canta De André del 2008.

Nel 1985 la canzone "Il pescatore" è stata ripresa dalla cantante romana Fiorella Mannoia nell'album Premiatissima; in seguito l'ha reincisa con un nuovo arrangiamento nell'album Fragile del 2001 e nel 2010 nell'album dal vivo Il tempo e l'armonia.

Marcia nuzialeModifica

Marcia nuziale è la traduzione, quasi alla lettera, di La marche nuptiale di George Brassens (dall'album Oncle Archibald). In questa canzone breve, l'accompagnamento di due chitarre e un contrabbasso ricordano quasi le cadenze di un minuetto. [5]

CoverModifica

Gino Paoli ha inciso Marcia nuziale nella versione di De André per due volte: la prima nel 1972 nell'album Amare per vivere[6] e la seconda volta nel 1979 nell'album il gioco della vita[7], con gli arrangiamenti in entrambe le versioni curati da Pinuccio Pirazzoli.

NoteModifica

  1. ^ Il pescatore/Marcia nuziale (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 21 gennaio 2019.
  2. ^ Il pescatore, viadelcampo.com
  3. ^ Don Andrea Gallo, Ancora in strada. Un prete da marciapiede, Mondadori, 2013, estratto
  4. ^ Michelone 2011, p. 69.
  5. ^ Michelone 2011, p. 104.
  6. ^ Discografia Nazionale della canzone italiana
  7. ^ Discografia Nazionale della canzone italiana

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica