Apri il menu principale
Il trionfo dell'onore
Lingua originaleitaliano
Genereopera comica
MusicaAlessandro Scarlatti
LibrettoFrancesco Antonio Tullio
Attitre
Prima rappr.26 novembre 1718
TeatroNapoli, Teatro dei Fiorentini
Personaggi
  • Riccardo Albenori, giovane dissoluto (soprano)
  • Leonora Dorini, amante di Riccardo, che le ha tolto l'onore (contralto)
  • Erminio, suo fratello, amante di Doralice (soprano)
  • Doralice Rossetti (soprano)
  • Flaminio Castravacca, vecchio mercante, zio di Riccardo e promesso sposo di Cornelia (tenore)
  • Cornelia Buffacci, vecchia possidente, zia di Doralice (tenore)
  • Rosina Caruccia, serva di Cornelia (contralto)
  • Capitano Rodimarte Bombarda, compagno di Riccardo (basso)

Il trionfo dell'onore è un'opera comica in tre atti di Alessandro Scarlatti su libretto di Francesco Antonio Tullio (che firmò il testo con lo pseudonimo di Colantuono Feralintisco), vagamente ispirata alla figura di Don Giovanni, già messa in scena nel Seicento da Tirso de Molina e da Molière. Fu rappresentata per la prima volta al Teatro dei Fiorentini di Napoli il 26 novembre 1718.

Indice

Caratteri generaliModifica

Fu l'unico capolavoro appartenente al genere comico di Alessandro Scarlatti[2], e venne rappresentato nella capitale partenopea in un teatro riservato quasi esclusivamente a tale tipo di spettacoli, il Teatro dei Fiorentini. Il compositore siciliano, in contrasto con una tendenza che si stava consolidando da qualche decennio a Napoli, volle che tutti i personaggi facessero uso della lingua italiana invece che di quella napoletana. Tale innovazione trova una giustificazione nel tipo di ambientazione prescelta, priva di connotazioni popolari e anzi inserita in contesti sociali e atmosfere che in qualche modo prefigurano la commedia veneziana di ispirazione borghese che si svilupperà nei decenni successivi. L'opera ebbe uno straordinario successo di pubblico e venne replicata ben diciotto volte. Inspiegabilmente Il trionfo dell'onore scomparve dalle scene fino agli anni trenta del Novecento, venendo rappresentata per la prima volta dopo oltre due secoli a Loughton, in Inghilterra, il 23 luglio 1937. In Italia fu riproposta al pubblico senese solo il 18 settembre 1940, dopo essere stata soggetta a un attento lavoro di revisione da parte di Virgilio Mortari.

Con Il trionfo dell'onore Scarlatti sublima, con la propria genialità, il genere comico, aprendo nuove strade che saranno successivamente percorse da Giovanni Battista Pergolesi e da altri grandi della scuola cosiddetta napoletana. La vena melodica, dalle vaghe connotazioni malinconiche, del compositore, sembra infatti quasi preannunciare quelle che saranno le future direttrici estetiche della commedia in musica della città partenopea. Il complicato gioco di coppie (ce ne sono ben quattro sulla scena) permette a Scarlatti di destreggiarsi in una serie di pezzi di insieme (duetti, quartetti e persino un ottetto) che troveranno la loro massima espressione nel superbo concertato che chiude il secondo atto[3]. Una tecnica compositiva rigorosa, sostenuta da una genuina ispirazione, si unisce in quest'opera a una genialità espressiva e a una padronanza delle risorse e dei mezzi scenici sconosciute fino ad allora.

Personaggi e interpreti della primaModifica

Personaggio Tipologia vocale Interprete della prima[4]
Riccardo Albenori soprano (in travesti) Caterina Testi
Leonora Dorini contralto Petronilla Micheli
Erminio soprano castrato Biagio Stabile
Doralice Rosetti soprano Costanza Posterla
Flaminio Castravacca tenore (non riportato)[5]
Cornelia Buffacci tenore (in travesti) Simone De Falco[6]
Rosina Caruccia contralto Marianna Monti
Capitan Rodimarte Bombarda basso Giacomo D'Ambrosio

TramaModifica

La vicenda ha luogo a Pisa e nella sua campagna nel XVII secolo.

Atto I

Dopo aver sedotto e abbandonato Leonora, Riccardo si reca con Rodimarte Bombarda in casa di Flaminio, suo zio, che, pur essendo fidanzato con Cornelia, non disdegna di corteggiare la domestica Rosina. Leonora, giunta a Pisa alla ricerca del proprio seduttore, di cui è innamorata, viene invitata in casa da Cornelia, dove però alloggia anche Doralice, nuova fiamma di Riccardo. Le due giovani scoprono di nutrire entrambe scarsa stima nei confronti del comune amante. Nel contempo, a casa di Flaminio, il Capitano Rodimarte, approfittando di una visita di Leonora al suo promesso sposo (duetto: «Sì mia gioia» «Sì mia vita»), fa una serrata corte a Rosina, vantandosi di aver partecipato a inesistenti imprese guerresche, con un'irresistibile vis comica, messa in evidenza dai bei versi di Tullio («Il mio secondo vanto è la bellezza»).

Atto II

Erminio, fratello di Leonora e perdutamente innamorato di Doralice, sfida Riccardo a duello per vendicare l'onore di sua sorella. L'indimenticabile quartetto che chiude l'atto («Bella» «Taci») si struttura su una linea melodica vagamente languida, priva di ornamentazioni superflue ed è proteso verso l'approfondimento psicologico dei quattro personaggi che vi partecipano. Erminio e Leonora, feriti nei propri sentimenti, si confrontano con Doralice e Riccardo, insensibili all'altrui dolore.

Atto III

Flaminio coglie in flagrante Rosina e il Capitano, ma anch'egli viene sorpreso ad amoreggiare con Rosina dalla propria fidanzata Cornelia. Il duello fra Flaminio e Riccardo, preannunciato nel I atto, termina con il ferimento di Riccardo. Costui, pentendosi della propria natura volubile e incostante e sentendosi ancora legato a Leonora, torna da lei. L'opera si chiude con un concertato («Che sento? O me felice») cui partecipano tutti i personaggi dell'opera. Riccardo chiede perdono ad Erminio, suo futuro cognato, e a Leonora, che confessa di amarlo ancora perdutamente; Doralice si riconcilia con Erminio e Flaminio con Cornelia, mentre Rodimarte ha finalmente trovato in Rosina la donna della sua vita. La virtù viene esaltata e tutti applaudono «con lieto grido il trionfo dell'onor».

DiscografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Personaggi e tipologie vocali secondo Marina Vaccarini.
  2. ^ In effetti Scarlatti si era già cimentato in gioventù (non aveva ancora vent'anni) in una commedia in musica a sfondo pastorale, dal titolo Gli equivoci nel sembiante (Roma, 1679) e, l'anno successivo, in un dramma semiserio, L'honestà negli amori (Roma, 1680). Entrambe le opere ebbero successo, ma sono ben lontane, sia sotto il profilo drammaturgico che musicale, dai capolavori della maturità artistica del compositore.
  3. ^ «Stupendo e particolarmente interessante il quartetto del secondo atto il quale ha le precorritrici caratteristiche del pezzo d'insieme i cui personaggi cantano con evidente contrasto sentimentale e drammatico...» Franco Abbiati, Storia della Musica, Il Seicento, vol. II, Milano, Garzanti, 1960, pag. 176
  4. ^ Secondo Charles H. Parsons (a cura di), Opera Premieres: Index of Casts v.2, New York, Edwin Mellen Press Ltd, 1992, p. 1164. ISBN 0-88946-413-8.
  5. ^ Parsons trascrive: "NN".
  6. ^ De Falco divenne negli anni successivi uno specialista delle parti in travesti (Rodolfo Celletti, Voce di tenore. Dal Rinascimento a oggi, storia e tecnica, ruoli e protagonisti di un mito della lirica, Idea Libri, Milano, 1989, p. 48. ISBN 88-7082-127-7).

BibliografiaModifica

  • Franco Abbiati, Storia della musica, Il Seicento, vol. II, Milano, Garzanti, 1958, pag. 175 e 176
  • Edward J. Dent (con note di Frank Walker), Alessandro Scarlatti, his life and works, Londra, E. Arnold, 1960, pag.142 e seg.
  • Marina Vaccarini, Trionfo dell'onore, Il, in Piero Gelli & Filippo Poletti (a cura di), Dizionario dell'Opera 2008, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2007, pp. 1311-1312. ISBN 978-88-6073-184-5 (riprodotto online presso Opera Manager)

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN174380009 · GND (DE4617195-2 · BNF (FRcb13960434s (data)
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica