Apri il menu principale
Internal Affairs
ArtistaPharoahe Monch
Tipo albumStudio
Pubblicazione19 ottobre 1999
Durata53:22
Dischi1
Tracce15
GenereHip hop
Underground hip hop
Alternative hip hop
East Coast hip hop
EtichettaRawkus Records, Priority Records, Virgin Music (Canada)
ProduttoreRene John-Sandy II (esec.) Pharoahe Monch (esec.) Lee Stone (esec.) DJ Scratch, The Alchemist, Diamond D
RegistrazioneNew York; 1998-1999
FormatiCD, album, vinile, LP, cassetta
Pharoahe Monch - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2007)

Internal Affairs è l'album solista d'esordio del rapper statunitense Pharoahe Monch, pubblicato il 19 ottobre 1999 e distribuito da Rawkus e Priority. In Canada la commercializzazione è affidata alla sussidiaria della Virgin Music, mentre in Europa il disco è distribuito nel 2000 da Rawkus e Play It Again Sam. Alle produzioni Diamond D e The Alchemist tra gli altri. Partecipano all'album grandi artisti della scena quali Busta Rhymes, Redman, Method Man, M.O.P., Canibus, Common e Talib Kweli. In God Send è presente Prince Po dell'ex gruppo di Monch Organized Konfusion.

L'esordio di Monch è particolarmente apprezzato dalla critica, entra nella Billboard 200 e raggiunge la top ten nella classifica dedicata alle produzioni hip hop. AllMusic assegna all'album quattro stelle e mezzo su cinque, scrivendo: «dopo tre album venerati con gli Organized Konfusion, la leggenda underground Pharoahe Monch firma un contratto con la Rawkus e consegna il suo album d'esordio, Internal Affairs, negli ultimi mesi del 1999. Sia Monch sia la Rawkus sembravano voler spingere la loro musica più in alto e alcuni seguaci di lunga data furono scioccati nel sentire un Monch più duro, più arrabbiato, più profano, che sembrava corteggiare un pubblico più criminale. [...] Anche quando sta ringranziando il Queens, o arruolando ospiti come Canibus e gli M.O.P. per aiutarlo a prendere a pugni una traccia fino alla sottomissione, Monch si dimostra all'altezza della sua reputazione come uno degli MC tecnicamente più esperti dell'hip hop.»[1]

L'album è andato fuori stampa dopo che Pharoahe Monch si è rifiutato di registrare per la Geffen Records in seguito all'acquisizione della Rawkus Records da parte di Universal Music dalla Priority Records.[2]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 4.5/5 stelle[1]
Sputnik Music 4.5/5 stelle[3]
Rolling Stone 4/5 stelle[4]
The Source 4.5/5 stelle[5]
RapReviews 9/10 stelle[6]

Indice

TracceModifica

  1. Intro – 3:03 (testo: George Spivey, Troy Jamerson – musica: DJ Scratch, DJ Total Eclipse scratches)
  2. Behind Closed Doors – 3:11 (Pharoahe Monch)
  3. Queens – 3:30 (testo: Maxwell Rivera, Jamerson, Hod David – musica: Pharoahe Monch, Lee Stone co-prod.)
  4. Rape – 2:34 (testo: Jamerson – musica: Pharoahe Monch, DJ Total Eclipse scratches)
  5. Simon Says – 2:53 (Pharoahe Monch)
  6. Official – 3:47 (testo: Lee Stone, Jamerson – musica: Lee Stone)
  7. Hell (featuring Canibus) – 3:09 (testo: Germaine Williams, Stone, Jamerson – musica: Lee Stone)
  8. No Mercy (featuring M.O.P.) – 4:29 (testo: Alan Maman, Eric Murray, Jamal Grimmage, Jamerson – musica: The Alchemist)
  9. Right Here – 2:56 (testo: Jamerson, Spivey – musica: DJ Scratch)
  10. The Next Shit (featuring Busta Rhymes) – 3:20 (testo: Jamerson, Stone, Trevor Smith Jr. – musica: Pharaohe Monch, Lee Stone co-prod.)
  11. The Ass (featuring Apani) – 3:27 (testo: Apani Smith, Jamerson, Joseph Kirkland – musica: Diamond D)
  12. The Light – 3:36 (testo: Jamerson, Kirkland – musica: Diamond D)
  13. God Send (featuring Prince Po) – 3:16 (testo: Stone, Jamerson, Lawrence Baskerville – musica: Lee Stone, Pharaohe Monch co-prod.)
  14. The Truth (featuring Common & Talib Kweli) – 3:56 (testo: Kirkland, Jamerson, Lonnie Lynn Jr., Talib Greene – musica: Diamond D)
  15. Simon Says (Remix) (featuring Busta Rhymes, Method Man & Redman, Lady Luck & Shabaam Sahdeeq) – 6:15 (testo: Clifford Smith, Jamerson, Marcus Vialva, Reginald Noble, Shanel Jones, Smith Jr. – musica: Pharaohe Monch, Lee Stone co-prod.)

Durata totale: 53:22

ClassificheModifica

Classifiche settimanaliModifica

Classifica (1999) Posizione
massima
Stati Uniti[7] 41
US Top R&B/Hip-Hop Albums[8] 6

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Allmusic review
  2. ^ (EN) Chris Mugan, Pharoahe Monch: A rapper on the rise, in November 25, 2007 (London), independent.co.uk, 26 novembre 2007. URL consultato il 27 luglio 2012.
  3. ^ (EN) Sputnik Music review
  4. ^ (EN) Rolling Stone review
  5. ^ (EN) The Source review
  6. ^ (EN) RapReviews.com review
  7. ^ (EN) Billboard 200, Billboard.com.
  8. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums, Billboard.com.

Collegamenti esterniModifica