Rapping

forma musicale che presenta «rima, discorso ritmico e linguaggio di strada», che è eseguita o cantata in diversi modi, spesso sopra un beat o un accompagnamento musicale
(Reindirizzamento da Rapper)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Rap" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Rap (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Rap" rimanda qui. Se stai cercando il genere musicale, vedi Hip hop (genere musicale).

Il rapping (o rhyming, spitting,[1] emceeing,[2] MCing[2][3]), spesso abbreviato semplicemente in rap, è una forma di oratoria musicale che presenta «rima, discorso ritmico e linguaggio di strada»,[4] che è eseguita o cantata in diversi modi, spesso sopra un beat o un accompagnamento musicale.[4] Deriva dall' R&B.

CaratteristicheModifica

I componenti del rap includono «contenuto» (ciò che viene detto), «flow» (ritmo, rime) e «consegna» (cadenza, tono).[5] Il rap si differenzia dallo spoken word in quanto il rap è eseguito spesso sul tempo di un brano strumentale. Il rap è spesso associato alla musica hip hop, oltre a esserne uno dei componenti principali, anche se le sue origini precedono l'hip hop come fenomeno culturale. Il precursore della tecnica moderna di rap si trova nelle tradizioni dei griot dell'Africa occidentale, in cui gli «storici»[6] diffondevano tradizioni e genealogie oralmente o usavano le loro tecniche retoriche per spettegolare o «elogiare o criticare le persone».[6] Le tradizioni griot si connettono al rap attraverso i discorsi di James Brown con il pubblico e con la sua band tra le canzoni eseguite, alle provocazioni verbali di Muhammad Ali e alle poesie di The Last Poets.[7] Pertanto, i testi e la musica del rap fanno parte del «continuum storico nero»,[7] e mirano a riutilizzare elementi delle tradizioni passate espandendoli attraverso «l'uso creativo del linguaggio e dello stile e delle strategie retoriche.»[7] La persona accreditata di aver originato lo stile di «consegnare le rime sopra un tappeto musicale»,[8] che sarebbe divenuto noto come rap, è Anthony "DJ Hollywood" Holloway di Harlem, New York.[8]

Il rap è spesso consegnato sopra un beat, tipicamente creato da un DJ, turntablist, beatmaker o eseguito a cappella senza accompagnamento musicale. Stilisticamente, il rap occupa un'area grigia tra il discorso, la prosa, la poesia e il canto. La parola, che precede la forma musicale, in origine significava «colpire leggermente»,[9] mentre oggi è usata per descrivere veloci botta e risposta.[10] La parola inizia a essere usata nell'inglese britannico fin dal sedicesimo secolo. È parte dell'inglese afro-americano vernacolare negli anni sessanta col significato di «conversare», e in seguito diviene sinonimo dello stile musicale.[11] Oggi, il termine rap è talmente associato alla musica hip hop che molti scrittori usano i due termini in modo intercambiabile. Spesso i rapper si improvvisano su una base inventando un testo al momento, questa pratica viene chiamata "freestyle" (stile libero) e anche nel freestyle si possono riconoscere variazioni, infatti esiste il freestyle semplice, un normale testo sopra un beat che può essere pure un "tipe beat" ovvero un beat nello stile di un artista in particolare, ed esistono anche una sorta di sfide col freestile, ovvero dei veri e propri scontri di insulti, rappati a tempo su una base.Questa pratica viene chiamata dissing. I dissing sono spesso presenti anche nei brani rap ufficiali e hanno l'obbiettivo di denunciare una persona o addirittura la politica di interi stati.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Duneier, Kasinitz, Murphy, The Urban Ethnography Reader, Oxford University Press, 2014, ISBN 0-19-974357-6.
  2. ^ a b Edwards, 2009.
  3. ^ Edwards, 2009.
  4. ^ a b (EN) Cheryl Lynette Keyes, Rap Music and Street Consciousness, University of Illinois Press, 2004, p. 1.
  5. ^ Edwards, 2009.
  6. ^ a b (EN) Eric Charry, Hip Hop Africa: New African Music in a Globalizing World, Indiana University Press, 2012, pp. 79–80, ISBN 978-0-253-00575-5.
  7. ^ a b c (EN) Kopano, Baruti N., Rap Music as an Extension of the Black Rhetorical Tradition: "Keepin' It Real", in The Western Journal of Black Studies, vol. 26, n. 4, 22 dicembre 2002, ISSN 0197-4327 (WC · ACNP).
  8. ^ a b (EN) Frank Hoffmann, Rhythm and Blues, Rap, and Hip-Hop (American Popular Music), Checkmark Books, 2007, pp. 63, ISBN 0-8160-7341-4.
  9. ^ (EN) Dictionary.com, su dictionary.reference.com. URL consultato il 2 febbraio 2008.
  10. ^ (EN) Oxford English Dictionary
  11. ^ Safire, William (1992), (EN) "On language; The rap on hip-hop", The New York Times.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 2289 · LCCN (ENsh85111437 · GND (DE4303518-8 · BNF (FRcb121873463 (data) · NDL (ENJA00935631