Ippocrate di Sparta

ammiraglio spartano

Ippocrate (in greco antico: Ἱπποκράτης, Hippokrátes, in latino: Hippocrătes; Sparta, V secolo a.C.Calcedonia, 408 a.C.) è stato un ammiraglio spartano.

Ippocrate
NascitaSparta, V secolo a.C.
MorteCalcedonia, 408 a.C.
Cause della morteMorto in combattimento
Dati militari
Paese servitoSparta
Forza armataEsercito spartano
ArmaFlotta spartana
GradoAmmiraglio
GuerreGuerra del Peloponneso
BattaglieBattaglia di Cizico
voci di militari presenti su Wikipedia

BiografiaModifica

Ippocrate è menzionato per la prima volta quando fu inviato in Eubea con Epicle per portar via di lì la flotta di Agesandrida, che lì non era più al sicuro dopo che Mindaro era stato sconfitto a Cinossema (411 a.C.).[1] Ritornò poi con Agesandrida nell'Ellesponto, dove fu nominato vice di Mindaro per le operazioni successive.

Dopo la disastrosa sconfitta di Cizico Ippocrate, che divenne comandante a causa della morte di Mindaro, mandò a Sparta questo famoso messaggio, intercettato dagli Ateniesi: "Le navi sono perse. Mindaro è morto. Gli uomini hanno fame. Non sappiamo cosa fare."[2]

Dopo l'arrivo di Cratesippida, che prese il comando delle truppe dell'Ellesponto, pare che Ippocrate sia stato nominato governatore di Calcedonia; quando, nel 408 a.C., la città fu attaccata da Alcibiade e Trasillo, Ippocrate guidò le sue truppe nella difesa della città, ma fu sconfitto e morì in combattimento.[3]

NoteModifica

  1. ^ Tucidide, Guerra del Peloponneso, VIII, 107.
  2. ^ Senofonte, I, 1, 23.
  3. ^ Senofonte, I, 3, 5-6. Diodoro Siculo, Bibliotheca historica, XIII, 66. Plutarco, Alcibiade, 30.

BibliografiaModifica

Fonti primarie
Fonti secondarie

Altri progettiModifica