Apri il menu principale
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Isfjordosaurus minor
Immagine di Isfjordosaurus minor mancante
Stato di conservazione
Fossile
Periodo di fossilizzazione: Triassico inferiore
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Superordine Ichtyopterigia
Ordine Ichthyosauria ?
Famiglia Incertae sedis
Genere Isfjordosaurus
Motani, 1999
Specie I. minor
Nomenclatura binomiale
Isfjordosaurus minor
Motani, 1999

Isfjordosaurus minor Motani, 1999[1] è un rettile acquatico estinto, presumibilmente appartenente agli ittiosauri. Visse nel Triassico inferiore (circa 248 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati nelle isole Svalbard.[2]

TassonomiaModifica

Questo rettile è noto solo per un omero isolato, che nella forma richiama vagamente quello di un altro rettile marino enigmatico, Hupehsuchus. L'omero è stato ritrovato in terreni del Triassico inferiore sull'isola di Spitsbergen, parte dell'arcipelago delle Svalbard al largo delle coste della Norvegia. La forma insolita dell'omero non permette una classificazione precisa, e non è nemmeno chiaro se effettivamente appartenesse a un ittiosauro primitivo. Il fossile venne descritto inizialmente da Wiman nel 1910, e venne attribuito a una nuova specie dell'ittiosauro Pessopteryx (P. minor). Nel 1999, uno studio di Ryosuke Motani permise di istituire un genere a sé stante, Isfjordosaurus.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b Motani, R., Phylogeny of the Ichthyopterygia, in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 19, nº 3, 1999, pp. 473-496.
  2. ^ Isfjordosaurus minor, su Paleobiology Database. URL consultato il 24 novembre 2013.

BibliografiaModifica

  • R. Motani. 1999. Phylogeny of the Ichthyopterygia. Journal of Vertebrate Paleontology 19(3):473-496
  • Michael W. Maisch (2010). "Phylogeny, systematics, and origin of the Ichthyosauria – the state of the art". Palaeodiversity 3: 151–214.

Collegamenti esterniModifica