Isild Le Besco

attrice, sceneggiatrice e regista francese
Isild Le Besco

Isild Le Besco (Parigi, 22 novembre 1982) è un'attrice, sceneggiatrice e regista francese. È la terza dei cinque figli di Catherine Belkhodja, l'attrice e giornalista franco-algerina di origine cabila e turco-mongole. Suo padre nato in Gran Bretagna è di origine vietnamita. Sua sorella è l'attrice e regista Maïwenn Le Besco, mentre suoi fratelli sono il documentarista Jowan Le Besco, e l'attore Kolia Litscher.

CarrieraModifica

Emmanuelle Bercot le affida il suo primo ruolo nel cortometraggio Les Vacances (Le Vacanze) selezionato al festival di Angers ed a Cannes, cui segue il ruolo di un'adolescente nel suo film di scuola: La Puce (La Pulce). Con il moltiplicarsi delle proposte cinematograficbe, Isild ha lasciato la scuola per dedicarsi soltanto al cinema ed alla pittura.

Con Demi tarif le viene assegnato a 16 anni il premio della migliore sceneggiatura Junior. Ha realizzato suo film col sostegno e la partecipazione dei suoi fratelli e sorelle. Prodotto da KAREDAS, il film è stato premiato parecchie volte e selezionato più di 50 volte nei festival in Francia ed all'esteri.[senza fonte] La sua carriere prosegue alternando i ruoli da attrice, l'attività di sceneggiatrice e di regista. Ha creato la sua propria società di produzione, la Sangsho.

È stata premiata come “Migliore Giovane Attrice” al Festival del Cinema di Venezia (Premio Marcello Mastroianni consegnato da Catherine Deneuve) per il suo ruolo in L'Intouchable (L'Intoccabile) di Benoît Jacquot, in cui recita la parte di una giovane attrice che sospende il suo lavoro a Parigi per andare alla ricerca di suo padre in India. Questo film ha aperto della Settimana del cinema francese al Festival di Berlino il 14 giugno 2007.

In Pas douce (Non dolce) presentato all'ultimo Festival di Berlino, interpreta una giovane infermiera suicida sotto la direzione di Jeanne Waltz.

FilmografiaModifica

LungometraggiModifica

CortometraggiModifica

TelevisioneModifica

TeatroModifica

PremiModifica

  • Premio della Migliore Sceneggiatura Junior per sua prima sceneggiatura al Festival del Film di Parigi per Demi-tarif (2000)
  • Étoile d'or de la révélation féminine (Stella d'Oro della Rivelazione femminile) per sua interpretazione in Sade di Benoît Jacquot. (2001)
  • Nominata per un 7 d'Oro per Le Choix d'Elodie (2001)
  • Nominata per il César della Migliore Speranza per Sade (2001)
  • Premio Lumière della Migliore Speranza per Sade (2001)
  • Nominata per il César della Migliore Speranza per Roberto Succo (2002)
  • Premio Speciale della Giuria al Festival del Film Europeo di Angers per Demi-tarif (2004)
  • Premio Procirep Primi Piani al Festival del Film Europeo di Angers per Demi-tarif (2004)
  • Premio Speciale della Giuria del Festival di Seul per Demi-tarif (2004)
  • Gran Premio della Giuria del Crossing Europe Festival di Linz per Demi-tarif (2004)
  • Nominata per il Premio Louis Delluc per Demi-tarif (2004)
  • Premio Marcello Mastroianni alla Mostra di Venezia (migliore giovane attrice), (2006)

SceneggiatoreModifica

  • Demi-tarif (1998)
  • Charly (2004)

RegistaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39068140 · ISNI (EN0000 0001 2128 6608 · LCCN (ENno2003073858 · GND (DE1017437238 · BNF (FRcb140520514 (data) · BNE (ESXX1532741 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2003073858
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema