Isole Khazar

Isole Khazar
Xəzər Adalari
Khazar Islands Baku.png
Geografia fisica
LocalizzazioneMar Caspio
Coordinate40°14′28.82″N 49°38′03.27″E / 40.24134°N 49.634242°E40.24134; 49.634242Coordinate: 40°14′28.82″N 49°38′03.27″E / 40.24134°N 49.634242°E40.24134; 49.634242
Superficie30 km²
Classificazione geologicaIsola artificiale
Geografia politica
StatoAzerbaigian Azerbaigian
DistrettoArcipelago di Baku
Cartografia
voci di isole presenti su Wikipedia

Le isole Khazar (in azero: Xəzər Adalari), note come le Isole del Mar Caspio o come Caspian Islands,[1], è un ambizioso progetto urbanistico che prevede la costruzione di un arcipelago di una cinquantina di isole artificiali situato a circa 25 km dalla costa meridionale di Baku, capitale dell'Azerbaigian.

Realizzato dalla società azera "Avesta Concern", il sito di una superficie di 3 mila ettari[2] dovrebbe ospitare 400 000 residenti permanenti e circa 200 000 turisti, hotel, ospedali, scuole, parchi e centri commerciali, campus universitari e anche un circuito di Formula 1 [2].

Il progettoModifica

Il piano di investimenti dichiarato era di $ 100 miliardi, di cui $ 30 miliardi provenienti da investitori stranieri e altri $ 30 miliardi dalle vendite di appartamenti: costruire una città che mira a ospitare 1 milione di residenti in uno sviluppo con 150 scuole, 50 ospedali e centri diurni, numerosi parchi, centri commerciali, centri culturali e un campus universitario; più una pista di Formula 1 intorno ad un gioiello ingegneristico, una torre da $2 miliardi Azerbaijan Tower (progettata per essere la più alta del mondo).[3][4]

La città doveva essere dotata di 150 ponti e un grande aeroporto municipale per collegare le isole alla terraferma. Si prevede che, in generale, la città, una volta completata nel 2022-2023, ospiterà 1 milione di abitanti. Secondo il progetto, il prezzo degli appartamenti completamente rinnovati sarà di circa $ 4000–5000 al metro quadrato [5][6][7]

Tutte queste strutture saranno in grado di resistere a terremoti di magnitudo 9,0.[8][9] Secondo quanto riferito, il presidente del gruppo "Avesta Group", Ibrahim Ibrahimov, ha avuto questa idea originale in un lampo mentre volava tra Baku e Dubai.[10][11][12] Ha dichiarato ai giornalisti che vari investitori americani, turchi, arabi e cinesi hanno mostrato interesse per il progetto che ha descritto come una "nuova Venezia".[1][3][13]

StoriaModifica

La costruzione delle Isole Khazar è iniziata nel marzo 2011 e durante il boom economico dell'Azerbaigian sono stati realizzati importanti lavori di costruzione. Nell'agosto 2014, la principale area della spiaggia è stata aperta con una fanfara, con molti edifici grattacieli già in parte costruiti.[14] Tuttavia, la gigantesca scala del progetto e il design eccessivamente ambizioso sono diventati più evidenti nel 2015 con il crollo del prezzo del petrolio.

Tra il 12 maggio e il 27 maggio 2015 Ibrahimov è stato arrestato a causa dell'incapacità della sua società di compensare il rimborso del debito di Avesta nei confronti della International Bank of Azerbaijan, un debito che si sarebbe stimato essere di circa $ 57 milioni.[15] Dopo il rilascio di Ibrahimov, le dichiarazioni della società hanno successivamente insistito sul fatto che il progetto doveva ancora essere completato tra il 2020 e il 2025, con gli investitori dalla Cina citati come desiderosi di colmare il deficit di finanziamento [15].

In un'intervista dell'aprile 2017, Ibrahimov ha insistito sul fatto che i lavori a lungo ritardati sarebbero finalmente ricominciati più tardi quell'anno.[16] Nell'ottobre 2017, Ibrahimov avrebbe ricominciato a lavorare con Avesta e ha dichiarato che non avrebbe lasciato l'Azerbaigian, ma ha sollevato dubbi sulla continuazione del progetto Isole Khazar [17] e, a partire da gennaio 2018, ci sono pochi segnali di ripresa del lavoro.[18]

NoteModifica

  1. ^ a b Lada Evgrashina, Azerbaijan aims to put up world's tallest building, Reuters, 11 aprile 2012.
  2. ^ a b Khazar Islands – Progetto del valore di 100 milliardi dollari, Infomercatiesteri. URL consultato il 15 settembre 2016.
  3. ^ a b Azerbaijan Plans World's Tallest Tower At 'New Venice' (PHOTOS), International Business Times, 13 aprile 2012.
  4. ^ (EN) Anar Valiyev, Baku, vol. 31, Cities, 1º aprile 2013, DOI:10.1016/j.cities.2012.11.004, ISSN 0264-2751 (WC · ACNP).
  5. ^ Charley Cameron, Azerbaijan's Avesta Group Unveils Plan to Build New World's Tallest Tower, Inhabitat, 10 febbraio 2012.
  6. ^ Anar Valiyev, Baku, vol. 31, Cities, 1º aprile 2013, 625–640, DOI:10.1016/j.cities.2012.11.004, ISSN 0264-2751 (WC · ACNP).
  7. ^ (EN) Anar Valiyev, Baku, vol. 31, Cities, 625–640, DOI:10.1016/j.cities.2012.11.004, ISSN 0264-2751 (WC · ACNP).
  8. ^ Samuel Medina, Azerbaijan's Plans for a One Kilometer-Tall Skyscraper, The Altlantic Cities, 9 febbraio 2012.
  9. ^ Azerbaijan to build world's tallest skyscraper, Azernews, 30 gennaio 2012.
  10. ^ New York Times article on Ibrahimov's vision for the islands, su nytimes.com.
  11. ^ ViaTechnik report on the islands, su viatechnik.com.
  12. ^ Haji Ibrahim Nehramli - Dream Big, Dream Tall., su thebusinessyear.com. URL consultato il 1º febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2014).
  13. ^ Rick Dewsbury, Azerbaijan reveals plans for world's tallest building at 3,500ft high, Mail Online, 12 aprile 2012.
  14. ^ Video report of August 2014 celebration concert, Azadliq.
  15. ^ a b Report on Avesta and the Khazar Islands, Milli.az.
  16. ^ Reports of April 2017 interviw with Ibrahimov, azpolitika.info.
  17. ^ Report October 2017, Xural.
  18. ^ Jan 2018 report, modern.az.

Collegamenti esterniModifica