January Suchodolski

pittore polacco

January Suchodolski (Hrodna, 19 settembre 1797Bojmie, 20 marzo 1875) è stato un pittore e militare polacco, membro dell'Accademia russa di belle arti.

Ritratto opera di Maksymilian Fajans (dopo il 1850)
Jan Henryk Dąbrowski entra a Roma, olio su tela, 1850.

BiografiaModifica

 
Bivacco degli ulani polacchi

Nacque a Hrodna, nell'odierna Bielorussia, ed era fratello del poeta Rajnold Suchodolski. Si arruolò nel corpo dei Cadetti di Varsavia nel 1810.[1] Nel 1812 montava la guardia all'Hotel Angielski di Varsavia quando Napoleone vi soggiornava in incognito, in occasione della sua fuga da Mosca.[2][3] Nel 1823 divenne aiutante di campo di Wincenty Krasiński, un ex ufficiale dell'Armata napoleonica che era entrato nel reggimento reale dei Granatieri. Mediante le conoscenze di Krasiński ebbe accesso alle gallerie del palazzo, in cui poté ammirare dipinti di soggetto militare e in particolare quelli di Horace Vernet. Ottenne anche accesso ai principali circoli artistici e intellettuali della Polonia, frequentando luminari come Julian Ursyn Niemcewicz, Woronicz, Koźmian, Franciszek Salezy Dmochowski, Antoni Edward Odyniec e Morawski.[2] Nello stesso periodo iniziò a dipingere quadri di soggetto militare, soprattutto battaglie della Rivolta di Kościuszko e delle guerre napoleoniche, fra cui quelle a cui aveva preso parte Krasiński nel corso della Guerra d'indipendenza spagnola. Fece la conoscenza di Antoni Brodowski ed ebbe successo in un concorso artistico con i quadri La cattura dello stendardo di Maometto a Vienna e Morte di Ladislao di Varna.

Nel gennaio del 1830 January prese parte con il fratello alla Rivolta di Novembre. January combatté alla prima battaglia di Wawer, alla battaglia di Grochowska e alla battaglia di Iganie. Nel tempo libero schizzava le scene dei soldati e ritraeva i suoi commilitoni.[4]

In seguito al fallimento della rivolta — in cui il fratello perse la vita — si trasferì a Roma, dove fu allievo di Horace Vernet dal 1832 al 1837.[5] Nella città eterna conobbe Zygmunt Krasiński, figlio di Wincenty, Juliusz Słowacki, Thorvaldsen, Johann Friedrich Overbeck, Peter von Cornelius e Louis Léopold Robert. Tornò a Varsavia nel 1837 e gli fu presto offerta l'ammissione all'Accademia russa di belle arti per il suo quadro L'assedio di Achaltsiche. Fu quindi invitato a San Pietroburgo dallo zar Nicola I per dipingere le battaglie più famose dell'esercito russo. Dopo essere tornato in Poloni, compì un viaggio a Parigi nel 1844. Nel 1852 si trasferì a Cracovia, ove incontrò Wincenty Pol. Corredò di illustrazioni il poema di Pol 'Mohorta'. Nel 1860 Suchodolski aderì al comitato della Società per l'incoraggiamento delle belle arti the committee of the Society for the Encouragement of Fine Arts and helped set up the Museum of Fine Arts in Warsaw.[6]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ (PL) Encyklopedja Powszechna S. Orgelbranda, Tom XIV, Warszawa 1903, p. 151
  2. ^ a b (PL) January Suchodolski – żołnierz i malarz w jednej osobie Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive. accesso 17 marzo 2012
  3. ^ (PL) Hotel Angielski - Przewodnik po Warszawie (do 1944 roku) accesso 17 marzo 2012
  4. ^ (PL) January_Suchodolski Archiviato il 2 dicembre 2012 in Internet Archive. accesso 13 marzo 2012
  5. ^ (PL) K. Sroczyńska, January Suchodolski, Warszawa 1984
  6. ^ (PL) January Suchodolski – żołnierz i malarz w jednej osobie Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive., accesso 17 marzo 2012

BibliografiaModifica

  • (PL) K. Sroczyńska, January Suchodolski, Warszawa, 1984

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95945884 · ISNI (EN0000 0000 7150 0150 · Europeana agent/base/154564 · LCCN (ENno2013116234 · GND (DE1033380784 · ULAN (EN500040889 · CERL cnp01437879 · WorldCat Identities (ENlccn-no2013116234