Apri il menu principale

Joachim Périon O.S.B. (Cormery, 1498 o 1499 – Cormery, 1559) è stato un umanista, filologo e traduttore francese.

Indice

BiografiaModifica

Joachim Périon entrò nell'Ordine Benedettino il 22 agosto 1517 e divenne un monaco dell'Abbazia di San Paolo a Cormery. Nel 1542 ottenne un dottorato in teologia all'Università di Parigi. Nel 1543 fu nominato membro della commissione regia incaricata di esaminare le opere del filosofo antiaristotelico Pietro Ramo del quale fu un acerrimo oppositore. Périon fu tra i principali oppositori anche dei seguaci di Ramo come Roger Ascham. Criticò duramente l'opera di Pietro Aretino, che considerava immorale.[1] Nel 1544 fu nominato traduttore regio.

OpereModifica

Périon è con Denis Lambin e Adrien Turnèbe, uno dei traduttori del corpus aristotelico che adottarono il metodo filologico importato dall'Italia e introdotto da Leonardo Bruni, che si ispirava al latino ciceroniano, rifiutando le traduzioni letterali (Verbum de verbo). Secondo Charles B. Schmitt, "questa iniziativa ha creato un movimento intenzionato a produrre un Aristotele umanistico, un movimento che probabilmente raggiunse il suo apice con Joachim Périon, intorno al quale svilupperà una notevole letteratura polemica". [2] A Périon è stato riconosciuto un grande senso filologico e le sue eleganti traduzioni furono spesso ristampate nel XVI secolo, nonostante una certa mancanza di precisione. Questo spiega perché le traduzioni furono accompagnate quasi sistematicamente dai commenti di Nicolas de Grouchy.

Nelle sue traduzioni (tutte greco-latino) e nei suoi commenti di Aristotele Périon rifiutò qualsiasi influenza averroista.

Périon tradusse anche varie opere patristiche tra le quali l'Esamerone di San Basilio e il Corpus Dionysianum. [3]

Traduzioni di AristoteleModifica

  • Aristotelis logica ex accurata recognitione Nicolai Gruchii ad Ioachimi Perionii et suam interpretationem... (avec Nicolas Grouchy), Paris, 1567
  • Meteorologicorum libri quatuor
  • De animo, Paris, 1550
  • De animalium motu
  • De coelo
  • Ethica Nicomachea avec en préambule, De optimo genere interpretandi, Paris, 1540
  • De ortu et interitu
  • Metaphysica, Lione, 1560
  • Meteora
  • Aristotelis libelli qui Parva naturalia vulgo appellantur..., Paris, 1550
  • Physica, 1549
  • Politica, 1542

Altre opereModifica

NoteModifica

  1. ^ The Cambridge Companion to Erotic Literature, Bradford K. Mudge, Cambridge University Press, 2017, p. 97
  2. ^ Charles B. Schmitt, Aristote et la Renaissance, traduction par Luce Giard, Paris, PUF, 1992, p. 85.
  3. ^ Biblioteca sacra ovvero Dizionario universale delle scienze ecclesiastiche... per la prima volta ... tradotta ed ampliata da una societa di ecclesiastici, Volume 15, Charles-Louis Richard, Ranieri Fanfani, 1836, p. 193

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22160995 · ISNI (EN0000 0001 2099 8021 · SBN IT\ICCU\MILV\117905 · LCCN (ENn85049204 · GND (DE124179916 · BNF (FRcb120525292 (data) · CERL cnp01322882