John Landy

politico ed ex atleta australiano
John Landy
John Landy at Iffley Road on the 50th anniversary of the four minute mile 6 May 2004 (cropped from the photo with Roger Bannister).jpg

Governatore di Victoria
Durata mandato 1º gennaio 2001 –
7 aprile 2006
Predecessore James Gobbo
Successore David de Kretser

Dati generali
Università Università di Melbourne
Professione Atleta

John Landy (Melbourne, 12 aprile 1930) è un politico ed ex mezzofondista australiano.

BiografiaModifica

John Landy
John Landy nel 1954
Nazionalità   Australia
Altezza 182 cm
Peso 69 kg
Atletica leggera  
Specialità 1500 m piani
Palmarès
  Giochi olimpici
Bronzo Melbourne 1956 1500 m
  Giochi del Commonwealth
Argento Vancouver 1954 1 miglio
 

Già ai tempi del liceo Landy si applicò alle gare di corsa, specializzandosi nei 1500 metri. Si laureò in agronomia all'università di Melbourne nel 1954, stesso anno in cui ottenne il record nei 1500, detenendolo fino al 1955. Nel 1956 fu scelto per pronunciare il giuramento olimpico ai giochi di Melbourne del 1956, durante i quali vinse la medaglia di bronzo.

Landy ottenne nella sua terra molta popolarità che conservò negli anni, tanto che nel 2001 fu nominato governatore dello stato australiano di Victoria, carica politica per lo più onorifica ma di grande prestigio che tenne fino al 2006.

OnorificenzeModifica

  Membro dell'Ordine dell'Impero britannico
«Atleta dilettante.»
— 1º gennaio 1955[1]
  Compagno dell'Ordine dell'Australia
«In riconoscimento del servizio di innovazione nel campo della ricerca e dello sviluppo rurale, per i contributi nel sensibilizzare l'opinione pubblica sulle questioni ambientali generali, e per il supporto di una vasta gamma di attività comunitarie e sportive.»
— 30 marzo 2001[2]
  Commendatore dell'Ordine reale vittoriano
«Governatore di Victoria.»
— 16 marzo 2006
  Cavaliere di Grazia e Giustizia del Venerabile Ordine di San Giovanni
  Medaglia dello sport australiano
«Concorrente e medaglia di bronzo alle olimpiadi del '52 e del '56 , atleta internazionale.»
— 30 agosto 2000[3]
  Medaglia del centenario
— 1º gennaio 2001[4]

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN11327801 · ISNI (EN0000 0000 6741 9448 · LCCN (ENn86087097 · NLA (EN35709593 · WorldCat Identities (ENlccn-n86087097