Apri il menu principale

Le guide alpine di Sankt Niklaus furono pionieri dell'alpinismo.

Indice

I pionieri dell'alpinismoModifica

Le principali guide alpine della città sono state:

Josef Marie Lochmatter e Peter Knubel sono stati i primi scalatori del Cervino e così precursori per l'odierno sviluppo turistico nel Nikolaital, e in particolare di Zermatt. I due amici di Sankt Niklaus negli anni seguenti ripetono la scalata della montagna. Peter Knubel è anche la prima guida svizzera a scalare una vetta non alpina: la cima più alta d'Europa, nel Caucaso, l'Elbrus (5642 m). Alois Pollinger è l'inventore della ridiscesa a cordata doppia, poiché è stato il primo a ridiscendere in questo modo dal Ferpèclegrat del Dent Blanche. Nel 1883 Josef Imboden è il primo svizzero sull Himalaia.

Gli iniziatori della nuova scuola (i loro figli)Modifica

Le cordate di Sankt Niklaus formate da

Il centro alpino con oltre 300 prime scalateModifica

Oltre 300 prime scalate vanno sul conto delle guide alpine di Sankt Niklaus.

I principali itinerari sono stati:

  • aViereselgrat del Dent Blanche nelle Alpi vallesane (Zinalgrat del Dent Blanche, chiamato così da una pretesa di Alois Pollinger, dopo la prima scalata nel 1882),
  • cammino del Lochmatter del Aiguille du Grépon nelle Alpi francesi (prima scalata nel 1913, da parte di Josef Lochmatter),
  • cammino del Knubel del Aiguille du Grépon nelle Alpi francesi (prima scalata nel 1911, da parte di Josef Knubel),
  • Imbodentind in Norvegia (prima scalata da parte di Josef Imboden, nel 1899),
  • Mount Pollinger e Mount Sarbach in Canada.

Il 4 giugno 1995 si è inaugurato un monumento per tutte le guide alpine di Sankt Niklaus.

BibliografiaModifica

  • Christian Imboden: Berge: Beruf, Berufung, Schicksal. Die St. Niklauser Bergführer als Wegbereiter des internationalen Alpinismus, Rotten Verlag, Visp, 2013, ISBN 3-907624-48-3