Julie Angélique Scio

soprano francese

Julie Angélique Scio (Lilla, 1768Parigi, 14 luglio 1807) è stata un soprano francese.

Era la moglie del compositore Etienne Scio (il suo cognome da nubile era Legrand).

Figlia di un ufficiale di guarnigione da cui era stata abbandonata, dovette cercare risorse nella musica e debuttò giovanissima col nome d'arte di Mademoiselle Grécy.[1]. A soli diciannove anni aveva ruoli importanti a Montpellier, poi si spostò ad Avignone e al Grand-Théâtre di Marsiglia, dove conobbe il futuro marito, primo violino di quel teatro.[1] Su invito di un impresario marsigliese si trasferì a Parigi, dove cantò dapprima in teatri minori, poi nel 1792 debuttò all'Opéra-Comique. Dotata di voce dal timbro puro e metallico, di istinto musicale e di intelligenza scenica[1], divenne ben presto famosa e le vennero affidati ruoli importanti. In particolare creò alcuni ruoli in opere di Luigi Cherubini al Théâtre Feydeau tra il 1794 e il 1800: le protagoniste di Eliza e Medea e Constance in Les deux journées. Quando morì (di tubercolosi[2]) era una cantante molto affermata.

NoteModifica

  1. ^ a b c Fétis
  2. ^ Forbes, Grove

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34723629 · ISNI (EN0000 0000 0186 8259 · BNF (FRcb14845686b (data) · WorldCat Identities (EN34723629