Kent Ekeroth

politico svedese
Kent Ekeroth
Kent Ekeroth inför EU-valet 2014.jpg
Ekeroth nel 2014

Membro del Parlamento svedese per la Contea di Stoccolma
In carica
Inizio mandato 4 ottobre 2010

Dati generali
Partito politico Democratici Svedesi
Università Università di Lund
Professione Economista

Kent Alexander Ekeroth (11 settembre 1981) è un politico svedese dei Democratici Svedesi[1][2].

È membro del Riksdag dal 4 ottobre 2010 (eletto nelle elezioni generali del 2010), rappresentando la circoscrizione della Contea di Stoccolma.[3] In parlamento, è stato membro della Commissione per la giustizia e membro supplente della Commissione per gli affari dell'Unione europea.[3] Ekeroth ha studiato Economia.[4] Si è unito ai Democratici Svedesi nel 2006.[5] Dal 2007, è segretario del partito per gli affari internazionali.[6] Nell'ottobre 2006, Ekeroth venne licenziato dal suo stage presso l'ambasciata svedese a Tel Aviv, Israele, dopo che l'ambasciata aveva scoperto il suo coinvolgimento con i Democratici Svedesi.[4] Le azioni dell'ambasciata vennero poi criticate dal Cancelliere di Giustizia svedese, Göran Lambertz, che ha stabilito che il licenziamento era illegale e una violazione delle leggi costituzionali svedesi.[7] Il Ministero degli affari esteri, che è responsabile di tutte le ambasciate svedesi all'estero, ha pagato anche i danni a Ekeroth.[7] Ekeroth è membro del consiglio del partito europeo euroscettico Alleanza Europea per la Libertà.[8]

Nel novembre 2012, Ekeroth prese una pausa dalle sue funzioni dopo la fuoriuscita di un video girato con il suo telefono cellulare da un evento che è diventato noto come Järnrörsskandalen ("Scandalo della sbarra di ferro").[9][10] Erik Almqvist aveva pubblicato, due anni prima, una versione modificata del video per mostrare come lui e i suoi colleghi di partito Ekeroth e Christian Westling fossero stati abusati verbalmente quella sera.[11] Il video pubblicato nel novembre 2012 da Expressen mostrava Ekeroth ed i suoi colleghi armati di sbarre di ferro dopo una rissa con un ubriaco.[12] Ekeroth discusse con una giovane donna, che avrebbe poi spinto contro una macchina.[12] Almqvist utilizzò commenti razzisti e sessisti senza che Ekeroth reagisse contro di esso.[13] La polizia arrivò sul luogo e l'uomo ubriaco disse di aver visto Ekeroth spingere la donna. Ekeroth e i suoi colleghi erano tornati quando avevano sentito le sirene e dissero alla polizia che erano stati minacciati dall'uomo.[12] Mentre Erik Almqvist fu costretto a dimettersi, Ekeroth rimase in parlamento. Il socialdemocratico e presidente della Commissione per la giustizia Morgan Johansson venne citato come dire "Mi chiedo che cosa i suoi elettori penseranno di lui, essendo nel Riksdag ed essendo pagato senza reali compiti".[14]

Ekeroth, più tardi, fatturò i giornali svedesi che avevano usato la pellicola o fotogrammi dell'evento. Per esempio, Svenska Dagbladet ricevette una fattura di 51.725 corone svedesi (c. 5.500 euro).[15] Ekeroth ha negato le connessioni al sito di notizie di estrema destra Avpixlat anche se venne trovato a governare la redazione anonima tramite e-mail e il sito usa il suo conto bancario personale per le sue finanze.[16] Avpixlat è stato definito un "sito odio" per le sue espressioni di violenza e di xenofobia.[17] Ekeroth ha anche negato la pubblicazione di tutti gli articoli presso il sito di notizie, ma è stato rapidamente trovato ad aver pubblicato articoli di recente, un mese prima della sua negazione. Le autorità fiscali hanno anche trovato legalmente le obbligazioni a pagare le tasse su quelle donazioni a Avpixlat , di cui 70,000SEK erano state subito ulteriormente trasferite ad altri conti privati di proprietà di Ekeroth.[16]

Kent Ekeroth nacque da madre ebrea[18] originaria del Kazakistan nell'Asia centrale[19] (allora parte dell'Unione Sovietica), che è arrivata come rifugiata attraverso la Polonia alla Svezia negli anni '60 insieme con la madre (la nonna di Ekeroth) e le sorelle.[20] Ekeroth ha patrimonio ebraico, con un atteggiamento di vita atea.[18][21]

NoteModifica

  1. ^ The far right in northern Europe, The Economist, 17 marzo 2011.
  2. ^ Swedish asylum policy fuels support for far-right nationalist party, The Guardian, 24 novembre 2015.
  3. ^ a b Kent Ekeroth (SD), Parliament of Sweden, 15 ottobre 2010. URL consultato il 19 ottobre 2010.
  4. ^ a b (SV) Markus Lutteman, Sverigedemokrat uppsagd, in Svenska Dagbladet, 31 ottobre 2006. URL consultato il 28 settembre 2010.
  5. ^ (SV) Kerstin Nilsson, Tvillingbröderna startar kampanj mot muslimer, in Aftonbladet, 19 ottobre 2009. URL consultato il 19 ottobre 2010.
  6. ^ (SV) Ekeroth, Kent, Om mig, Kent Ekeroth. URL consultato il 28 settembre 2010.
  7. ^ a b (SV) Sverigedemokrat får 30 000 i skadestånd, in Sydsvenskan, 7 agosto 2008. URL consultato il 28 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2011).
  8. ^ About EAF, European Alliance for Freedom. URL consultato il 7 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2011).
  9. ^ Sweden Democrat Erik Almqvist steps down
  10. ^ Sweden Democrat Almqvist leaves parliament, becomes Party's media consultant
  11. ^ http://www.mynewsdesk.com/se/sverigedemokraterna/pressreleases/erik-almqvist-redogoer-foer-graelet-med-soran-ismails-gangsterkamrat-471737
  12. ^ a b c Ekeroth takes 'break' after new revelations
  13. ^ Almqvist och Ekeroth beväpnar sig med järnrör
  14. ^ https://www.dn.se/nyheter/sverige/ekeroth-lamnar-sitt-uppdrag
  15. ^ http://www.svd.se/nyheter/inrikes/jag-bestrider-fakturan-kent-ekeroth_8824528.svd
  16. ^ a b Copia archiviata, su dagensmedia.se. URL consultato il 12 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2013).
  17. ^ Swedish magnates fund infamous 'hate site', in The Local, 23 ottobre 2013.
  18. ^ a b Kent Ekeroth: Juderna är nyttiga idioter för muslimarna Judisk Krönika, nr. 6 2010. Retrieved 8 December 2013 (SV)
  19. ^ http://www.timesofisrael.com/swedish-proudly-nationalist-jewish/
  20. ^ https://www.expressen.se/kultur/utom-lilla-mamma/
  21. ^ https://www.aftonbladet.se/debatt/article15801675.ab

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica