Khanato di Tabriz

Il khanato di Tabriz è stato uno dei khanati caucasici, posto nell'Azerbaigian persiano che rimase semi-indipendente per 55 anni.

Khanato di Tabriz
Dati amministrativi
Lingue ufficialipersiano
Lingue parlateazero
CapitaleTabriz
Politica
Forma di Statokhanato
Nascita1747
Fine1802
Territorio e popolazione
Tabriz Khanate.jpg
Il khanato di Tabriz con i suoi confini

StoriaModifica

Fino alla fine della dinastia safavide, la città di Tabriz, capitale della provincia (beylik) dell'Azerbaigian, e le regioni circostanti appartenevano all'Iran. Dopo la morte di Nader Shah il suo impero fu diviso tra i suoi eredi e gli alti ranghi, e Azad Khan, un signore della guerra pashtun, ottenne l'Azerbaigian.[1] Con la guerra di successione al trono dell'Iran tra i principi Qajari e Zand, i signori di Donboli di Khoy e Salmas poterono stabilire il loro dominio anche a Tabriz ed estendere la loro influenza su tutta la provincia. Najaf Qoli Donboli, khan di origine curda e figlio di Shahbaz Khan I di Khoy, entrò al servizio di Nader Shah e rimase anche nella carica di governatore generale. Fondò il khanato con Tabriz come sede centrale. Najaf Qoli Khan e suo nipote Shahbaz Khan II si unirono a Fath Ali Khan Afshar-Arashlu, il khan di Urmia, che ne ampliò i confini occupando Ardabil, Khalkhal e alcune parti dell'Azerbaigian meridionale. Infine, Fath Ali Khan si proclamò sovrano supremo su tutto l'Azerbaigian, e Tabriz divenne capitale del suo regno. Il sovrano facente funzione del khanato fu Najaf Qoli Khan.[2] Dopo la morte di Fath Ali Khan, il khanato di Tabriz riconquistò la sua indipendenza.[3] I khan Donboli promessero la loro fedeltà prima a Mohammad Hassan Khan Qajar, poi a Karim Khan Zand e alla fine ad Agha Mohammad Khan Qajar, proclamato shahanshah nel 1792 e imperatore di tutto l'Iran. Il khanato di Khoy divenne vassallo dell'Iran e infine nel 1809 fu incorporato nella nuova reggenza istituita (velayat) del principe ereditario Qajar, che ricoprì tradizionalmente la carica di vicegerente (vali) dell'Azerbaigian con la sua sede del potere a Tabriz.[4]

Khan di TabrizModifica

  • Najaf Qoli Khan I (figlio di Shahbaz Khan I), * 1713, † 1785, succedette a suo padre 1731 a Churs; nel 1731-1785 sovrano di Churs e Salmas, successe a suo fratello Morteza Qoli Khan II 1747 come capo della tribù Donboli; nel 1747 -1785 governatore in Azerbaigian, nel 1769-1785 governatore di Tabriz, 1º Khan di Tabriz
  • Khodadad Khan (suo figlio), † 1787 (ucciso da Sadegh Khan Shaqqaqi), succedette a suo padre nel 1785 a Tabriz; nel 1785-1787 governatore di Tabriz, 2º Khan di Tabriz
  • Hossein Qoli Khan (nipote di Najaf Qoli Khan), * 1756, † 1798, 1786-1793 e 1797-1798 governatore di Khoy, 4º Khan di Khoy; nel 1787 incorporò Tabriz nei suoi domini come 3º Khan di Tabriz.
  • Jafar Qoli Khan Donboli (fratello di Hossein Qoli Khan), si oppose a suo fratello 1793-1797 e 1799 nei domini di suo fratello, 4º Khan di Tabriz.
  • Najaf Qoli Khan II (nipote di Khodadad Khan), governatore del 1809 e governatore di Khan di Tabriz. - Dopo di lui, Tabriz divenne la sede del principe ereditario persiano della dinastia Qajar, che fungeva anche da governatore dell'Azerbaigian.[5][6][7]

NoteModifica

  1. ^ Cambridge History of Iran, vol. 7: From Nadir Shah to the Islamic Revolution, Cambridge University Press, Cambridge 1989.
  2. ^ Oberling: "DONBOLI", in: Encyclopædia Iranica
  3. ^ azerbaijans.com, http://azerbaijans.com/content_393_en.html.
  4. ^ Heribert Busse: Persia's History under Qajar Rule, p. 8ff.
  5. ^ iranicaonline.org, http://www.iranicaonline.org/articles/donboli-1.
  6. ^ Mahboub Mahdaviyan and Sakineh Mahdaviyan: Donboli, the ruling Tribe in Khoy, Adv. Environ. Biol., 8(12), 1285-1290, 2014, (the internet, 2015)
  7. ^ The Donboli Family page, http://www.donboli.info/mashahir.htm Archiviato il 4 marzo 2015 in Internet Archive., internet 2015.

Voci correlateModifica

  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia