L'Architettura Italiana

rivista mensile italiana di architettura e ingegneria civile fondata nel 1905

L'Architettura Italiana era una rivista mensile di architettura fondata nel 1905 a Torino con il sottotitolo di periodico mensile di costruzione e di architettura pratica. Il primo numero venne pubblicato nell'ottobre 1905 dagli editori Crudo & Lattuada con direzione affidata all'ingegner Carlo Bianchi e l'architetto Antonio Cavallazzi che firmarono la prima uscita. La rivista si avvalse nel tempo della collaborazioni di molti architetti italiani che fornirono contenuti di qualità.

L'Architettura Italiana
Logo
Logo
StatoBandiera dell'Italia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàmensile
Fondazione15 ottobre 1905
Chiusura1943
SedeTorino
DirettoreIng. Carlo Bianchi
Arch. Antonio Cavallazzi
Sito webdigitale.bnc.roma.sbn.it/tecadigitale/giornali/TO00176751
 

Nel primo numero, con data 15 ottobre, si trovava una breve prefazione a firma degli editori, nella quale si sottolineava l'importanza dell'architettura italiana e della necessità di promuoverla nel mondo:

«La mancanza di una buona pubblicazione italiana di architettura improntata ad una assoluta modernità e rispondente ai bisogni ed alle esigenze della vita attuale, l’insistenza colla quale da gran tempo la nostra estesa Clientela ci domanda opere italiane “roba nostra„ ed infine il convincimento nostro di compiere opera lodevole ed utile, ci hanno incoraggiati ad intraprendere la pubblicazione di un nuovo periodico il quale compare oggi col titolo lusinghiero e ardito di L’ARCHITETTURA ITALIANA

Nel programma dei due direttori si sottolineava ancora più fortemente la necessità di porre un freno alle influenze straniere:

«Con questi intendimenti noi crediamo di potere porre un argine, ancorché umile, alla diffusione di opere straniere; diffusione a cui danno esca l’esiguità delle pubblicazioni nostrane, la negligenza in quelle che vivono e, più ancora, l’indifferenza abituale che gl’italiani hanno per quanto possiedono e producono.»

In quegli stessi anni era pubblicata L'Edilizia Moderna, fondata a Milano nel 1892, che si occupava dei medesimi temi architettonici e costruttivistici. Editore era Arturo Demarchi e fra i vari redattori si contava il noto architetto Luca Beltrami.

L'Architettura Italiana cessò le pubblicazioni nel suo trentottesimo anno con il numero di gennaio-febbraio del 1943, editore Domus di Milano. L'editoriale si intitolava Destino e responsabilità dell'architettura.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica