Apri il menu principale
L’infinito
ArtistaLe Orme
Tipo albumStudio
Pubblicazione2004
Durata45:00 (CD)
Dischi1
Tracce12
GenereRock progressivo
EtichettaCrisler
ProduttoreMario Mastronardi, Crisler
Le Orme - cronologia
Album precedente
(2001)
Album successivo
(2011)

L'infinito è un concept album del gruppo musicale italiano Le Orme registrato nel 2004.

Indice

Il discoModifica

Come i due precedenti album, L'infinito è ricco di sequenze strumentali nella migliore tradizione del progressive rock; infine i brani si susseguono senza soluzione di continuità.

Le tendenze classicheggianti affermatesi in precedenza sono confermate dal supporto sporadico di un quartetto d'archi.[1]

Come nel caso de precedente album, la copertina è opera di Paul Whitehead.[1]

Nel complesso, l'infinito è strettamente collegato ai due precedenti (Il fiume ed Elementi) sotto diversi punti di vista.[2] Dopo l'uscita dei due ultimi album, il gruppo fu incoraggiato a proseguire sulla strada intrapresa e si formò così una trilogia. Se l'album Il fiume descriveva la presa di coscienza dell'individuo nei confronti della propria vita, quest'ultima veniva estesa, in Elementi, alle interazioni tra l'uomo ed il pianeta in cui vive. L'infinito compie il passo successivo, per estendere l'ambito terreno della coscienza umana a quello dell'universo.[2] Una conseguenza dell'espandersi di questa prospettiva esistenziale è il ritorno all'introspezione, che riemerge chiaramente nell'ultimo verso della "suite": L'infinito è in me.

TracceModifica

Testi di Tagliapietra. Musiche di Tagliapietra, Dei Rossi, Bon e Bassato

  1. Il tuono e la luce - 3:01
  2. La voce del silenzio - 4:22
  3. Shanti - 2:43
  4. L'infinito - 5:33
  5. Si può immaginare - 5:49
  6. Il tempio sul lago - 3:16
  7. Questo è il mattino - 0:40
  8. Canto - 4:53
  9. La ruota del cielo - 5:41
  10. Tra la luna e il sole - 4:08
  11. Come onde sull'oceano - 2:23
  12. L'infinito - 2:34

FormazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ a b CD booklet
  2. ^ a b movimentiprog[collegamento interrotto]

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo