Apri il menu principale

BiografiaModifica

Nato a Budapest, ha lavorato come sceneggiatore, montatore ed assistente di regia in Ungheria e in Germania fino agli anni quaranta, quando è emigrato negli Stati Uniti d'America. Louis B. Mayer lo aiutò a fuggire, in quanto Benedek era di famiglia ebraica, e lo fece stabilire a Hollywood, dove nel 1944 diresse il suo primo film.

Sono soprattutto due i film per i quali è ricordato: Morte di un commesso viaggiatore, trasposizione dell'opera drammaturgica di Arthur Miller (dirigendo Fredric March), per il quale vinse il Golden Globe per la regia (1952), e il film che diede la fama a Marlon Brando, Il selvaggio, che però causò anche molte polemiche negli States, tanto che Benedek tornò in Europa, non raggiungendo più i fasti hollywoodiani.

Poliglotta, visse in Inghilterra, diresse film in Germania (All'Est si muore) e in Francia (Tra due donne, e tornò infine ad Hollywood dove diresse altri fil; negli anni sessanta la sua attività di maggior rilievo fu la regia di alcuni episodi televisivi di molte serie: tra le principali Perry Mason, Gli intoccabili, L'ora di Hitchcock. Morì nel Bronx nel 1992.

FilmografiaModifica

RegistaModifica

Assistente registaModifica

MontatoreModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN46328744 · ISNI (EN0000 0001 1633 9023 · LCCN (ENno92023002 · GND (DE143203894 · BNF (FRcb139301439 (data) · WorldCat Identities (ENno92-023002