Gli intoccabili (serie televisiva)

serie televisiva statunitense
Gli intoccabili
Gli intoccabili.png
Titolo originaleThe Untouchables
PaeseStati Uniti d'America
Anno1959-1963
Formatoserie TV
Generepoliziesco
Stagioni4
Episodi118 + 1 episodio-pilota diviso in 2 parti e intitolato The Untouchables o The Scarface Mob
Durata50 min.
Lingua originaleinglese
Dati tecniciB/N
1.33 : 1
Crediti
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Prima visione
Dal15 ottobre 1959
Al21 maggio 1963
Rete televisivaABC
Opere audiovisive correlate
RemakeThe Untouchables

Gli intoccabili è una serie televisiva statunitense di genere poliziesco, trasmessa dalla ABC dal 1959 al 1963.

Ambientata nei primi anni trenta, narra le vicende dell'agente Eliot Ness, che seppe incastrare Al Capone, e della sua squadra di agenti fidati, chiamati appunto The Untouchables, "Gli Intoccabili": le vicende raccontate sono state ispirate da un libro di Ness e Oscar Fraley scritto nel 1947 e in cui gli avvenimenti si svolgono nell'arco temporale 1929-1935.

La serie è di ambientazione gangsteristica e realistica[1], ma gli sceneggiatori si sono presi molte licenze narrative rispetto ai fatti realmente accaduti: principalmente, la cronaca racconta che nella realtà Gli intoccabili si sciolsero dopo aver catturato Al Capone, ma nella finzione Ness e il resto degli agenti continuano a combattere la criminalità organizzata.

Al centro di numerose polemiche per la violenza che traspariva da ogni episodio, è stata ripetutamente attaccata, anche per l'immagine stereotipata degli italoamericani nei ruoli criminali. Dalla seconda stagione, a seguito di tali critiche feroci (si schierò anche Frank Sinatra[2]) cominciò a variare l'etnia dei antagonisti degli agenti federali protagonisti della serie.

Questa serie è stata di certo d'ispirazione per il famoso film del 1987 Gli intoccabili di Brian De Palma, con Kevin Costner nella parte di Ness e di Robert De Niro in quella di Al Capone: Sean Connery, nel ruolo secondario ma assai incisivo di Jimmy Malone, ottenne l'Oscar come Miglior Attore non protagonista.

Nel 1993 ne è stato realizzato un remake composto da due stagioni.

TramaModifica

Interpreti e guest starModifica

  • La parte del protagonista Eliot Ness venne affidata a Robert Stack, ma prima di lui era stata proposta a Van Johnson e Van Heflin[3].
  • Negli USA, al successo della serie contribuì la voce narrante del celebre commentatore Walter Winchell.
  • Durante le 4 stagioni dello show si sono alternate moltissime star:

Martin Balsam, Charles Bronson, James Caan, Mike Connors, Robert Duvall, Peter Falk, Louise Fletcher, Jack Lord, Lee Marvin, Elizabeth Montgomery, Robert Redford, Telly Savalas, Barbara Stanwyck, Roy Thinnes e Lee Van Cleef.

EpisodiModifica

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 28 1959-1960
Seconda stagione 32 1960-1961
Terza stagione 28 1961-1962
Quarta stagione 30 1962-1963

CriticaModifica

  • La serie venne accusata di violenza troppo esplicita, e denunciata, come capiterà a I Soprano, dalle comunità italoamericane, per l'eccessiva leggerezza con cui sosteneva l'equivalenza “italiano=mafioso”; la trasmissione fu messa sotto inchiesta, ma dati gli ottimi ascolti continuò ad andare in onda[4].

NoteModifica

  1. ^ G. Carbone-L. Pasqua, Dizionario della Tv, SugarCo, Milano 1992
  2. ^ G. Talese, "Frank Sinatra Has a Cold", p. 27. Esquire, 1966
  3. ^ Dizionario dei telefilm - L. Damerini, F. Margaria, Garzanti
  4. ^ Aldo Grasso, Enciclopedia della televisione, Garzanti, 2002, p. 346

BibliografiaModifica

  • Arnaz, Desi. A Book. New York - Warner, 1976.
  • Boddy, William. Fifties Television: The Industry and Its Critics - Urbana: University of Illinois Press, 1990.
  • Powers, Richard Gid. G-Men, Hoover's F.B.I. in American Popular Culture - Carbondale: Southern Illinois University Press, 1983.
  • L. Damerini, F. Margaria, Dizionario dei telefilm, Garzanti.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione