Léon Sultan

Attivista algerino marocchino

Léon Réne Sultan (in arabo: ليون سلطان‎‎; Costantina, 13 settembre 1905Casablanca, 23 giugno 1945) è stato un attivista marocchino di origine algerina, fondatore del Partito Comunista Marocchino[1][2][3][4].

Léon Réne Sultan

BiografiaModifica

Nacque nel 1905 a Costantina, nell'allora Algeria francese, da una famiglia ebraica algerina di otto figli. La sua famiglia deteneva la cittadinanza francese a causa del decreto Crémieux. Suo padre lavorava presso le strutture militari della città.[1][3]

Studiò legge all'Università di Algeri, e tra il 1925 e il 1929 esercitò la professione di avvocato presso il suo ufficio legale a Costantina. Nel 1929, si trasferì a Casablanca, dove si unì ad un gruppo di giovani socialisti, socializzando sia con i musulmani che con gli ebrei della città. Parlava fluentemente arabo e francese.[1][3]

Nel 1936, le attività dei movimenti comunisti furono legalizzate in seguito alla vittoria del Fronte Popolare in Francia.[2] Una sezione del Partito Comunista Francese fu stabilita anche in Marocco, con base a Casablanca, e Léon Sultan ne divenne segretario. Il gruppo raccolse perlopiù intellettuali. Léon Sultan scrisse articoli per Clarté, un settimanale pubblicato dal gruppo.[3] Nel 1939, il Partito Comunista Francese e la sezione marocchina furono sciolte in seguito al patto Molotov-Ribbentrop.[2] In seguito fu escluso dalla sua professione dalle leggi antisemite del Governo di Vichy.[3][4] Nel 1943, i movimenti comunisti si riattivarono in Morocco e Léon Sultan divenne segretario del Partito Comunista Marocchino.[2]

Si offrì volontario per combattere in Europa nella seconda guerra mondiale. Fu tenente nel quinto reggimento dei tirailleurs marocchini. Combatté in Alsazia, lungo il Reno, nella Foresta palatina, a Württemberg, in Baviera e in Austria, dove nel 29 aprile 1945 venne ferito. Continuò a combattere come capo della sua sezione, senza essere stato ricoverato fino all'11 maggio 1945.[4]

Tornò a Casablanca nel mese di giugno, dove avrebbe dovuto ultimare la sua guarigione. Il suo ritorno venne celebrato dal Partito Comunista e da altre organizzazioni politiche sue sostenitrici. Morì improvvisamente il 23 giugno 1945, per un ictus dovuto alle complicazioni del suo infortunio all'ospedale militare di Casablanca.[4] In seguito alla sua morte, Ali Yata assunse la direzione del partito.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b c SULTAN Léon-René [Dictionnaire Algérie] - Maitron, su maitron.univ-paris1.fr. URL consultato il 31 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2020).
  2. ^ a b c d e (EN) Donald F. Busky, Communism in History and Theory: Asia, Africa, and the Americas, Greenwood Publishing Group, 2002, ISBN 978-0-275-97733-7.
  3. ^ a b c d e Sultan, Léon René, DOI:10.1163/1878-9781_ejiw_sim_000782.
  4. ^ a b c d (EN) Le Petit Marocain, su Gallica, 25 giugno 1945.

BibliografiaModifica