Apri il menu principale

La bella e la bestia (film 1977)

film del 1977 diretto da Luigi Russo
La bella e la bestia
Labella elabestia 1977.jpg
Lisbeth Hummel nel secondo episodio del film
Titolo originaleLa bella e la bestia
Paese di produzioneItalia
Anno1977
Durata98 min
Genereerotico
RegiaLuigi Russo
SoggettoLuigi Russo
SceneggiaturaLuigi Russo,
Paolo Belloni
ProduttoreLuigi Mondello
Casa di produzioneDaino Film
Distribuzione in italianoCapitol International
FotografiaAldo De Robertis
MontaggioLuigi Russo
MusichePiero Umiliani
Interpreti e personaggi

La bella e la bestia è un film erotico del 1977, diretto dal regista Luigi Russo, che ha curato anche soggetto, sceneggiatura e montaggio.

Il film è diviso in quattro episodi, ciascuno dei quali illustra una parafilia ed è ambientato in un'epoca diversa[1].

TramaModifica

Primo episodio: La schiava
Dedicato al sadomasochismo, alla più algida e fiera delle schiave del suo harem, il crudele zar Vladimiro concede per un giorno il potere assoluto, che ella sfrutta per umiliare l'autocrate fino a costringerlo ad assistere alla sua penetrazione da parte d'uno schiavo nero superdotato. Il giorno dopo lo zar la fa sbranare dai cani.
Secondo episodio: Zooerastia
La giovane e avvenente Varvara, amazzone provetta, è sposata a un anziano magnate, il più ricco della Russia, che tradisce regolarmente con lo stalliere tra i nitriti dei cavalli della scuderia. Il marito si vendica atrocemente costringendo il rivale al suicidio, poi rinchiude la moglie col cadavere e due cani in una stalla senza dare loro cibo. La donna si consola eccitando le bestie che la sbranano per fame.
Terzo episodio: La fustigazione
Thomas, giovane studente di buona famiglia, viene punito a bacchettate sulle dita e sulle natiche dal precettore per il suo scarso impegno negli studi e dalla madre, che l'ha sorpreso a spiarla mentre s'accoppia con l'amante o si masturba. Finirà per prenderci gusto e per iniziare alle pratiche flagellatorie anche la bella compagna di giochi.
Quarto episodio: La promessa
Giovanna, giovanissima e illibata promessa sposa, apprezza le carezze della sarta che le sta cucendo l'abito e disdegna il futuro marito, ma soprattutto vorrebbe che a deflorarla fosse il cugino Eric, al quale aveva promesso la verginità. Le sollecitazioni di Giovanna avranno l'effetto sperato, ma Eric preferirà rivolgere le sue attenzioni alla via più stretta, preservando così l'onore della cugina.

NoteModifica

  1. ^ Recensione del film, da mymovies.it, su mymovies.it. URL consultato il 30 dicembre 2011.

Collegamenti esterniModifica