Lacci

film del 2020 diretto da Daniele Luchetti
Lacci
Lacci - Rohrwacher Lo Cascio.png
Alba Rohrwacher e Luigi Lo Cascio in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2020
Durata100 min
Rapporto2,39:1
Generedrammatico, sentimentale
RegiaDaniele Luchetti
Soggettodal romanzo di Domenico Starnone
SceneggiaturaDomenico Starnone, Francesco Piccolo, Daniele Luchetti
ProduttoreBeppe Caschetto
Produttore esecutivoRita Rognoni
Casa di produzioneIBC Movie, Rai Cinema
Distribuzione in italiano01 Distribution
FotografiaIvan Casalgrandi
MontaggioDaniele Luchetti, Aël Dallier Vega
ScenografiaAndrea Castorina
CostumiMassimo Cantini Parrini
Interpreti e personaggi

Lacci è un film del 2020 diretto da Daniele Luchetti.

Selezionato come film d'apertura della 77ª edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica,[1] è l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo del 2014 scritto da Domenico Starnone,[2] autore della sceneggiatura insieme al regista Luchetti e Francesco Piccolo.

TramaModifica

Napoli, primi anni Ottanta. Aldo e Vanda sono sposati e hanno due figli, Anna e Sandro. Una sera, la vita di questa famiglia, apparentemente tranquilla, viene turbata dalla confessione che Aldo, speaker radiofonico a Roma, fa alla moglie: l'uomo è stato con un'altra donna, anche se non sa ancora quali sentimenti prova realmente per lei. Vanda è sconvolta dalla notizia e caccia via Aldo, spingendolo involontariamente tra le braccia dell'amante, Lidia. I due, che sono anche colleghi di lavoro, vanno a vivere insieme a Roma.

Poco tempo dopo, Vanda raggiunge suo marito in radio per ricordargli l'impegno che si è assunto con il matrimonio e per invitarlo a tornare a casa, ma Aldo le fa intendere di essersi innamorato di Lidia. Successivamente, durante una visita dell'uomo ai bambini, Vanda rinfaccia al marito di trascurare la famiglia e di essere causa di malessere per i figli, e pertanto lo sprona nuovamente a ritornare a casa. Aldo però si rifiuta e a questo punto la situazione precipita: Vanda aggredisce fisicamente l'uomo e la sua amante, davanti agli occhi impauriti dei bambini; Aldo lascia che Anna e Sandro siano affidati in via esclusiva alla madre, senza lottare per la loro custodia e quindi, di fatto, abbandonandoli; Vanda tenta il suicidio gettandosi dalla finestra. Nonostante le gravi ferite riportate, la donna lentamente si riprende, mentre Aldo perservera nella sua decisione di non tornare a casa.

Alcuni anni dopo, dietro insistenza di Sandro, Vanda accetta che i figli rivedano il padre e riallaccino i rapporti con lui. Di fronte alla difficoltà di dividersi tra due vite, quella a Roma con Lidia e quella a Napoli con i figli, e soprattutto di fronte alle manifestazioni di malessere da parte di Anna, che soffre per la separazione dal padre, Aldo decide di lasciare Lidia e di tornare da Vanda, con cui resterà fino alla vecchiaia, conservando tuttavia il ricordo della sua amante e continuando a tradire la moglie con altre donne. I "lacci" che avrebbero dovuto tenere insieme la famiglia sono dunque le "armi" di cui marito e moglie si sono serviti per farsi del male a vicenda, procurando sofferenza anche ai propri figli. Questi ultimi, ormai adulti, si recano a casa dei genitori, partiti per una breve vacanza, per dar da mangiare al gatto Labès. Dopo essersi confrontati sulle proprie vite e sul dolore che le scelte ipocrite dei genitori hanno loro procurato, Sandro e Anna sfasciano la casa di Aldo e Vanda, come forma di sfogo e di vendetta.

PromozioneModifica

La prima clip del film è stata diffusa online il 29 luglio 2020.[3] La locandina ufficiale del film è stata pubblicata online il 28 agosto 2020.[4]

DistribuzioneModifica

Il film è stato presentato in anteprima il 2 settembre 2020 alla 77ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia come film d'apertura fuori concorso, prima pellicola italiana ad aprire la Mostra dai tempi di Baarìa (2009).[5][6] È stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane da 01 Distribution a partire dal 30 settembre 2020.[2]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Lacci di Daniele Luchetti è il film d'apertura della 77ª Mostra, su labiennale.org, Biennale di Venezia, 24 luglio 2020. URL consultato il 29 luglio 2020.
  2. ^ a b Lacci, su Comingsoon.it. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  3. ^   01 Distribution, LACCI di Daniele Luchetti (2020) - Film d'apertura a #Venezia77, su YouTube, 29 luglio 2020. URL consultato il 29 luglio 2020.
  4. ^ Lacci, il poster ufficiale del film, su MyMovies.it, 28 agosto 2020. URL consultato il 30 agosto 2020.
  5. ^ (EN) Scott Roxborough, Daniele Luchetti's 'The Ties,' Starring Alba Rohrwacher, to Open Venice Film Festival, su The Hollywood Reporter, 24 luglio 2020. URL consultato il 24 luglio 2020.
  6. ^ Lacci, su labiennale.org, Biennale di Venezia. URL consultato il 30 agosto 2020.
  7. ^ Valentina D'Amico, DAVID DI DONATELLO 2021, LE CANDIDATURE: VOLEVO NASCONDERMI A 14, DUE DONNE IN CINQUINA PER LA REGIA, su Movieplayer.it, 26 marzo 2021. URL consultato il 26 marzo 2021.
  8. ^ Valentina D'Amico, NASTRI D'ARGENTO 2021: L'INCREDIBILE STORIA DELL'ISOLA DELLE ROSE E LE SORELLE MACALUSO GUIDANO LE NOMINATION, su Movieplayer.it, 26 maggio 2021. URL consultato il 26 maggio 2021.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema