Apri il menu principale
Un antico macchinario utilizzato per lavorare le lamiere.[1]

Una lamiera è una lastra ottenuta dalla laminazione di bramme a loro volta ottenute mediante una colata continua di metallo liquido. Il suo spessore, dimensioni, tipo e qualità possono variare in base alle lavorazioni a cui sono destinate.

TipologiaModifica

Esistono vari tipi di lamiere e i più diffusi sono:

  • Lamiere di acciaio inox
  • Lamiere di alluminio
  • Lamiere di ottone
  • Lamiere di rame

Le lamiere laminate a freddo rivestite possono essere di zinco puro o di altre leghe (zinco-ferro e zinco-alluminio) e con due tipi di lavorazione, per elettrolisi o per immersione a caldo.

Le lamiere possono presentarsi con diverse lavorazioni:

NoteModifica

  1. ^ Quello in figura viene chiamato "lamierino ondulato".

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4007080-3 · NDL (ENJA00564285
  Portale Ingegneria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ingegneria