Lamna nasus

specie di squalo
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il tipo di falco Smeriglio, vedi Falco columbarius .
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Smeriglio
Lamna nasus.jpg
Lamna nasus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Lamniformes
Famiglia Lamnidae
Genere Lamna
Specie L. nasus
Nomenclatura binomiale
Lamna nasus
(Bonnaterre, 1788)
Sinonimi

Isurus nasus, Lamna cornubica, Lamna pennanti, Lamna philippii, Lamna punctata, Lamna whitleyi, Oxyrhina daekayi, Selanonius walkeri, Squalus cornubicus, Squalus cornubiensis, Squalus monensis, Squalus nasus, Squalus pennanti, Squalus selanonus

Nomi comuni

vitello di mare

Areale
Lamna nasus rangemap.png
Smeriglio

Lo smeriglio[2] (Lamna nasus (Bonnaterre, 1788)), conosciuto anche come "vitello di mare", per la sua lunghezza (3,6 m) è considerato una delle specie più piccole dei Lamnidi. Tuttavia il suo peso si attesta intorno ai 500 kg.

I colori della specie variano dal grigio-blu al marrone con macchie bianche. È dotato di una carena secondaria, situata alla base della coda.

ComportamentoModifica

Diffuso nei mari freddi e temperati fino alla profondità di 400 metri, si nutre di sgombri, calamari e merluzzi.

TermoregolazioneModifica

Pesce a «sangue caldo»: grazie alla sua capacità di convertire la forza muscolare, l'attività fisica, in calore, riscalda il sangue, ottenendo una temperatura anche di una decina di gradi superiore a quella dell'ambiente esterno.

DistribuzioneModifica

Si trova nell'Oceano Atlantico, Indiano e Pacifico, e nel Mediterraneo. La scarsa capacità riproduttiva e l'elevato valore commerciale degli squali smeriglio rende questa specie estremamente vulnerabile allo sfruttamento eccessivo e all'esaurimento della popolazione. La pesca intensiva negli anni '60 e '90 ha portato a notevoli riduzioni di questa specie, che al momento è classificata come "specie in grave pericolo".

NoteModifica

  1. ^ (EN) Rigby e al. 2019, Lamna nasus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019. URL consultato l'11/7/2020.
  2. ^ Mipaaf - Decreto Ministeriale n°19105 del 22 settembre 2017 - Denominazioni in lingua italiana delle specie ittiche di interesse commerciale, su www.politicheagricole.it. URL consultato il 7 maggio 2018.

BibliografiaModifica

  • DE MADDALENA A. - BANSCH H. (2008),Squali del Mare mediterraneo, Milano, pp. 152–155.978-88-95080-15-4
  • Lamna nasus (TSN 159911) Integrated Taxonomic Information System. Accessed on 23 January 2006
  • "Lamna nasus".. FishBase. Ed. Ranier Froese and Daniel Pauly. May 2006 version. N.p.: FishBase, 2006.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci