Apri il menu principale
Li Dazhao
1930 Li Dazhao Chinese comintern.jpg

Membro del Comitato Esecutivo Centrale del Kuomintang
Durata mandato 1924 –
1927

Membro del II, III e IV Comitato centrale del Partito Comunista Cinese
Durata mandato 1922 –
1927

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Cinese
Kuomintang
Partito Socialista Cinese
Tendenza politica Marxismo
Università Università di Waseda
Professione Bibliotecario, professore

Li Dazhao[1] o Li Ta-chao (李大釗T, 李大钊S, Lǐ DàzhāoP; Contea di Laoting, 29 ottobre 1888Pechino, 28 aprile 1927) è stato un politico, rivoluzionario e bibliotecario cinese e cofondatore insieme a Chen Duxiu del Partito Comunista Cinese.

Indice

BiografiaModifica

Li Dazhao nacque nella Contea di Laoting, nello Hebei, nel 1888 da una famiglia di contadini. Tra il 1913 e il 1916 studiò all'Università di Waseda in Giappone e tornò in Cina all'inizio del 1916 per partecipare a Shanghai alle contestazioni contro l'autoproclamato governo imperiale di Yuan Shikai.

Come intellettuale del Movimento di nuova cultura, nel 1918 fu reclutato da Cai Yuanpei per dirigere la biblioteca dell'Università di Pechino e in questa posizione l'anno successivo influenzò gli studenti nel Movimento del 4 maggio (a cui prese parte anche egli stesso) tra cui Mao Zedong, all'epoca uno dei suoi assistenti presso la biblioteca dell'Università di Pechino. Nel 1920 divenne professore nella stessa università.

Li fu uno dei primi ad introdurre il marxismo in Cina, ma secondo molti era un nazionalista, e credeva che i contadini avrebbero avuto un ruolo centrale nella futura rivoluzione proletaria nel Paese. Nel 1921 fondò con Chen Duxiu il Partito Comunista Cinese a Shanghai e Chen ne divenne il primo segretario generale. Sotto la dirigenza di Li e Chen il PCC creò uno stretto legame con il Comintern, controllato dai sovietici. Il Comintern, interessato agli eventi rivoluzionari cinesi, avvicinò Li e Chen al Kuomintang, il Partito Nazionalista Cinese, fondato da Sun Yat-sen e con cui i comunisti vennero a creare il Primo Fronte Unito per riunificare la Cina divisa dalle lotte dei vari signori della guerra e darle un governo stabile. Nel 1924 Li entrò nel Comitato esecutivo centrale del Kuomintang. Anche per questo durante la Spedizione del Nord (1926-1928), a cui prese parte, fu un grande sostenitore del Fronte Unito. Nel 1927 tuttavia fu catturato dalle forze della Cricca del Fengtian all'ambasciata sovietica a Pechino e impiccato poco dopo insieme ad altri 19 prigionieri comunisti per ordine del signore della guerra Zhang Zuolin.

Suo figlio Baohua divenne un importante esponente della Repubblica Popolare Cinese e presidente della Banca Popolare Cinese dal gennaio 1978 all'aprile 1982.

NoteModifica

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Li" è il cognome.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN62340922 · ISNI (EN0000 0000 8388 0963 · LCCN (ENn81033670 · GND (DE118572571 · NLA (EN36604226