Apri il menu principale
Librarius legionis
Descrizione generale
AttivaEtà repubblicana e imperiale
NazioneCiviltà romana
Tipotruppe scelte dell'esercito romano
Guarnigione/QGCastrum
DecorazioniDona militaria
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il librarius legionis era un legionario romano addetto a speciali incarichi amministrativi all'interno della legione romana.[1] Esistevano anche un librarius cohortis ed un librarius alae all'interno delle unità ausiliarie.[2] Faceva parte di quella cerchia di soldati chiamati, immunes,[3] ovvero coloro che, possedendo capacità specializzate o funzioni di rilievo tra i comuni milites, e che erano esentati dai più noiosi e pericolosi compiti che gli altri dovevano svolgere, quali lo scavo di un fossato o il pattugliamento dei bastioni.

MansioniModifica

Erano soldati dotati di una certa istruzione, abili nella scrittura e con buone capacità di calcolo.[4] Poteva occuparsi della registrazione di tutte le entrate e le uscite riguardanti gli approvvigionamenti (librarius horreorum), oppure era addetto alla registrazione di tutti i risparmi depositati dai soldati presso i principia dell'accampamento militare (librarius depositorum), o anche alla registrazione dei morti durante il servizio militare (librarius caducorum).[5]

NoteModifica

  1. ^ CIL III, 909, CIL III, 1205, AE 1997, 1265; AE 1952, 231 del tardo Impero romano.
  2. ^ CIL III, 12602 di coorte; CIL VIII, 9764 e CIL III, 13441 di ala di cavalleria.
  3. ^ AE 2004, 1069, CIL III, 1648.
  4. ^ Flavio Vegezio Renato, Epitoma rei militaris, II, 19.
  5. ^ Nic Fields, The Roman Army of the Principate 27 BC-AD 117, Ed. Osprey, 2009, p. 38.

BibliografiaModifica

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • Giovanni Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. I - Dalle origini alla fine della repubblica, Rimini 2007.
  • Nic Fields, The Roman Army of the Principate 27 BC-AD 117, Ed. Osprey, 2009, ISDN 978-1846033865.