Apri il menu principale

London Contemporary Orchestra

gruppo musicale britannico
London Contemporary Orchestra
(LCO)
LCO-logo1-300x96.jpg
StatoRegno Unito Regno Unito
CittàLondra
Direttore
  • Robert Ames
  • Hugh Brunt
Periodo attività2008 - in attività
Etichetta
Sito web

La London Contemporary Orchestra (LCO), fondata nel 2008 da Hugh Brunt e Robert Ames, è un gruppo di giovani musicisti il cui obiettivo dichiarato è "esplorare e promuovere nuova musica per un pubblico sempre più vasto".[1] La LCO ha organizzato la sua stagione inaugurale al LSO St Luke's e da allora si è esibita in sedi e festival tra cui Roundhouse, Latitude Festival, The Old Vic Tunnels, Snape Maltings, Southbank Centre, Barbican, Spitalfields Music e Royal Opera House. Da allora la LCO ha lavorato a film come Theeb, Moonlight, Macbeth (2015), Slow West e The Master.[2]

Nel 2010 la LCO è stata selezionata per la Royal Philharmonic Society Music Awards (categoria Sviluppo degli ascoltatori) e nel 2015 è stata vincitrice nella categoria Ensemble ai Royal Philharmonic Society Music Awards.[3]

IntroduzioneModifica

La stagione inaugurale del 2008 della LCO comprendeva musiche di Mark-Anthony Turnage, Kaija Saariaho, Thomas Adès, Iannis Xenakis, Simon Holt, Olivier Messiaen, Jonny Greenwood dei Radiohead e nuove opere dei giovani compositori Emily Hall, Colin Alexander e Jonathan Cole.[4] Nel maggio 2009 la LCO collaborò con il duo elettronico sperimentale Matmos e la compositrice Anna Meredith per una serie di esibizioni presso il magazzino Shoreditch Village Underground.[5] La LCO è apparsa alla Roundhouse nel gennaio 2010 come parte del festival di musica contemporanea 'Reverb', eseguendo lavori di Steve Reich, John Cage, Biosphere e la prima mondiale del concerto per giradischi di Shiva Feshareki TTKonzert.[6] LCO ha debuttato al Spitalfields Music Summer Festival nel giugno 2010[7] ed al Faster Than Sound di Aldeburgh Music nel maggio 2010.[8] Nell'ottobre 2010 la Roundhouse ha messo in scena tre proiezioni di Metropolis (versione restaurata) con la colonna sonora originale di Gottfried Huppertz eseguita dal vivo dalla LCO.[9] Nello stesso anno, la LCO ha dato uno spettacolo di The Yellow Shark di Frank Zappa come parte del "Frank Zappa - 70th Birthday Celebration" dei Roundhouse.[10] La LCO è tornata alla Roundhouse ad agosto 2011 per collaborare con Ron Arad a Curtain Call.[10] LCO ha organizzato il suo primo progetto "LCO Soloists" presso The Old Vic Tunnels nel maggio 2011.[11] Nel marzo 2012 l'LCO ha eseguito lavori di Xenakis, Gabriel Prokofiev, Jonny Greenwood e Vivier a un pubblico di 1.200 spettatori come parte di "Reverb 2012" alla Roundhouse.[10] LCO ha fatto il suo debutto al Southbank Centre nel 2012 chiudendo il Meltdown Festival (a cura di Antony Hegarty) con un'esibizione di The Disintegration Loops di William Basinski.[12]

Nel 2013 la LCO si è esibita nella abbandonata Stazione della metropolitana Aldwych, a 107 metri di profondità, il Glaubst du an die Unsterblichkeit der Seele ("Credi nell'immortalità dell'anima?") di Claude Vivier.[13] LCO è stato vincitore della categoria Ensemble nel 2015 ai Royal Philharmonic Society Music Awards. Gli archi e il coro dell'LCO sono in primo piano nell'album A Moon Shaped Pool, nominato ai Mercury nel 2016 con i Radiohead.[14]

OrganizzazioneModifica

Il ruolo di direttore artistico è condiviso tra Robert Ames e Hugh Brunt. Condividono anche il ruolo di direttore principale.[15]

CollaborazioniModifica

La LCO si è esibita con le star Belle & Sebastian al Latitude Festival in luglio 2010[16] e è ricongiunta con la band per il loro tour nel Regno Unito nel dicembre 2010.[17] I concerti hanno ripreso molti degli arrangiamenti eseguiti per la prima volta da Belle & Sebastian e dalla Los Angeles Philharmonic all'Hollywood Bowl nel 2006.[18] Nel giugno del 2010 membri della LCO si sono uniti alla band Foals nominata per il Mercury Prize[19]al Glastonbury Festival per una sessione dal vivo alla BBC 6 Music. La LCO appare nel singolo "Spanish Sahara" della band.[20] La LCO ha collaborato con artisti, compositori e marchi tra cui Secret Cinema, Actress, Vivienne Westwood, Arcade Fire, Goldfrapp, Nike, William Basinski, Biosphere, Mira Calix, Mara Carlyle, Mike Figgis, Simon Fisher Turner, Foals, Jonny Greenwood, Matmos, Jimmy Page, Jed Kurzel, Frank Ocean e United Visual Artists.[10]

PremiModifica

Nel 2010 l'LCO è stata selezionata per la Royal Philharmonic Society Music Awards (Categoria Sviluppo degli ascoltatori) e nel 2015 l'LCO è stata il vincitrice della categoria Ensemble ai Royal Philharmonic Society Music Awards.[3]

FilmografiaModifica

  • The Master colonna sonora eseguita dalla London Contemporary Orchestra[21]
Data di uscita: 21 settembre 2012
Regista: Paul Thomas Anderson
Premi: Chicago Film Critics Association Awards – Best Original Score
  • Theeb colonna sonora eseguita dalla London Contemporary Orchestra[22]
Data di uscita: 19 marzo 2015
Regista: Naji Abu Nowar
Premi: BAFTA – Outstanding Debut by a British Writer, Regista or Producer; Academy Award nominated – Best Foreign Language Film of the Year[23]
  • Slow West colonna sonora eseguita dalla London Contemporary Orchestra[24]
Data di uscita: 16 aprile 2015
Regista: John Maclean
Premi: Sundance Film Festival – World Cinema (Dramatic); Screen Music Awards – Feature Film Score of the Year[23]
Data di uscita: 10 dicembre 2015
Regista: Majid Al Ansari
  • Macbeth colonna sonora eseguita dalla London Contemporary Orchestra[26]
Data di uscita: 11 dicembre 2015
Regista: Justin Kurzel
Premi: Cannes Film Festival nomination – Palme d'Or
Data di uscita: 6 maggio 2016
Regista: Paul Thomas Anderson
Premi: MTV Video Music Awards Japan nomination - Best Rock Video
  • The White King colonna sonora eseguita dalla London Contemporary Orchestra[28]
Data di uscita: 18 giugno 2016
Registi: Alex Helfrecht, Jörg Tittel
Premi: Michael Powell Award nomination - Best British Feature Film; Edinburgh International Film Festival nomination - Best Performance in a British Feature Film
  • "The Dead Sea" (Short) colonna sonora eseguita dalla London Contemporary Orchestra[28]
Data di uscita: 3 dicembre 2016
Regista: Stuart Gatt
Premi: Triforce Short Film Festival - The Audience Choice Award[29]
Data di uscita: 14 dicembre 2016
Regista: Justin Kurzel
Premi: Golden Trailer Awards - Golden Fleece TV Spot; Golden Trailer Awards nominated - Best Original Score TV Spot[30]
  • Alien: Covenant colonna sonora eseguita dalla London Contemporary Orchestra
Data di uscita: 4 maggio 2017
Regista: Ridley Scott
Premi: Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films nomination - Best Science Film Award; Fright Meter Awards nominated - Best Special Effects[31]
Data di uscita: 27 maggio 2017
Regista: Lynne Ramsay
Premi: Cannes Film Festival  – Best Actor; Best Screenplay[23]
  • Phantom Thread colonna sonora eseguita dalla London Contemporary Orchestra
Data di uscita: 25 dicembre 2017
Regista: Paul Thomas Anderson
Premi: Academy Award, BAFTA and Golden Globe nomination[23]

DiscografiaModifica

  • Foals: "Miami" (Glastonbury Acoustic) feat. players from the LCO[32]
Data di pubblicazione: 2 luglio 2010
Etichetta: Warner Music UK Limited
  • Foals: "Spanish Sahara" con London Contemporary Orchestra[33]
Data di pubblicazione: 12 settembre 2010
Etichetta: Warner Music UK Limited
Data di pubblicazione: 10 setrtembre 2012
Etichetta: Nonesuch Records Inc.
Data di pubblicazione: 11 febbraio 2013
Etichetta: Transgressive
Data di pubblicazione: 12 maggio 2015
Etichetta: Sony Classical Records
Data di pubblicazione: 7 agosto 2015
Etichetta: Al Dakheel, Inc.
Data di pubblicazione: 1 ottobre 2015
Etichetta: Decca Records
Data di pubblicazione: 8 maggio 2016
Etichetta: XL Recordings
La maggior parte delle tracce di questo album presentano l'orchestra e il coro che eseguono arrangiamenti Jonny Greenwood
Data di pubblicazione: 19 agosto 2016
Etichetta: Def Jam Recordings
Data di pubblicazione: 20 agosto 2016
Etichetta: Boys Don't Cry
Data di pubblicazione: 18 novembre 2016
Etichetta: Ed Banger Records
Data di pubblicazione: 19 maggio 2017
Etichetta: Milan Records
  • Actress X LCO: Audio Track 5
Data di pubblicazione: 1 settembre 2017
Etichetta: Ninja Tune
Data di pubblicazione: 12 gennaio 2018
Etichetta: Nonesuch
  • Actress X LCO: Lageos
Data di pubblicazione: 25 maggio 2018
Etichetta: Ninja Tune

Nuove opereModifica

  • Emily Hall: "Put Flesh On!" (2008)
  • Colin Alexander: "Potential Fracture Lines" (2008)
  • Jonathan Cole: "Assassin Hair", versione riveduta (2008)
  • Howard Quin: "Combination Curves" (2009)
  • Jonathan Cole: "burburbabbar za" (2009)
  • Shiva Feshareki: "TTKonzert" (2010)
  • Tristan Brookes: "Ur" (2010)
  • Emily Hall e Toby Litt: "Songs" (2010)
  • Mira Calix e Larry Goves: "pedotin"; "ipo" (2010)
  • Simon Fisher Turner: "Attitude" (2010)
  • Jonathan Cole / Colin Alexander: "Forum" (2011)
  • Martin Suckling: "de sol y grana" (2011)
  • Gabriel Prokofiev: "Concerto for Bass Drum e Orchestra" (2012)
  • William Basinski (arr. Maxim Moston) "Disintegration Loop 2.1" (2012)
  • Actress: Audio Track 5 (2017)

NoteModifica

  1. ^ LCOrchestra (LCOrchestra) on Twitter
  2. ^ Films - London Contemporary Orchestra, in London Contemporary Orchestra. URL consultato il 6 ottobre 2017.
  3. ^ a b RPS Music Awards | Royal Philharmonic Society
  4. ^ London Contemporary Orchestra
  5. ^ Matmos and the London Contemporary Orchestra - Village Underground, su villageunderground.co.uk. URL consultato il 16 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2010).
  6. ^ News - London Contemporary Orchestra
  7. ^ Spitalfields Music - Brothers Quay: Street of Crocodiles - Summer Festival 2010, su spitalfieldsfestival.org.uk. URL consultato il 16 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2010).
  8. ^ Faster Than Sound: London Contemporary Orchestra | Aldeburgh Music
  9. ^ Metropolis with LCO | Roundhouse, su roundhouse.org.uk. URL consultato il 23 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2012).
  10. ^ a b c d Past - London Contemporary Orchestra
  11. ^ London Contemporary Orchestra - Old Vic Tunnels, su oldvictunnels.com. URL consultato il 23 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2016).
  12. ^ LCO closes Southbank Centre's Meltdown Festival with William Basinski's ‘The Disintegration Loops’ - London Contemporary Orchestra
  13. ^ (EN) Features - London Contemporary Orchestra, in London Contemporary Orchestra. URL consultato il 1º marzo 2017.
  14. ^ (EN) About LCO - London Contemporary Orchestra, in London Contemporary Orchestra. URL consultato il 1º marzo 2017.
  15. ^ (EN) Blog - London Contemporary Orchestra, in London Contemporary Orchestra. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  16. ^ News - London Contemporary Orchestra
  17. ^ Live Dates | Belle and Sebastian, su belleandsebastian.com. URL consultato il 23 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2010).
  18. ^ News - London Contemporary Orchestra
  19. ^ Barclaycard Mercury Prize
  20. ^ Foals // News, su foals.co.uk. URL consultato il 23 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2018).
  21. ^ Paul Thomas Anderson, Price Carson, Mike Howard e Sarah Shoshana David, The Master, 21 settembre 2012. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  22. ^ Naji Abu Nowar, Hussein Salameh Al-:Sweilhiyeen, Hassan Mutlag Al-Maraiyeh e Hisham Ahmand, Theeb, 19 marzo 2015. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  23. ^ a b c d (EN) Films - London Contemporary Orchestra, in London Contemporary Orchestra. URL consultato il 5 settembre 2018.
  24. ^ John Maclean, Michael Fassbender, Ben Mendelsohn e Aorere Paki, Slow West, 16 aprile 2015. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  25. ^ Majid Al Ansari, Abdalla Bu Abed, Ahd e Ali Al-Jabri, Rattle the Cage, 10 dicembre 2015. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  26. ^ Justin Kurzel, Frank Madigan, Michael Fassbender e Marion Cotillard, Macbeth, 11 dicembre 2015. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  27. ^ Radiohead: Daydreaming (Video 2016), su imdb.com.
  28. ^ a b London Contemporary Orchestra, su IMDb. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  29. ^ (EN) the dead sea – TriForce Short Film Festival, su tfsff.com. URL consultato il 5 settembre 2018.
  30. ^ Assassin's Creed. URL consultato il 5 settembre 2018.
  31. ^ Alien: Covenant. URL consultato il 5 settembre 2018.
  32. ^ Miami (Glastonbury Acoustic). Buy online, su foals.co.uk. URL consultato il 17 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2010).
  33. ^ Foals - Spanish Sahara (w/ London Contemporary Orchestra). Buy online, su foals.co.uk. URL consultato il 3 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2010).
  34. ^ The Master [Soundtrack] | Nonesuch Records
  35. ^ Macbeth (Colonna sonora originale del film) by Jed Kurzel on Apple Music, su iTunes. URL consultato il 4 gennaio 2017.
  36. ^ Justice Detail New Album Woman | Pitchfork, su pitchfork.com. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  37. ^ (EN) Phantom Thread: Live - London Contemporary Orchestra, in London Contemporary Orchestra. URL consultato il 23 gennaio 2018.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305313413 · LCCN (ENno2013108520 · GND (DE107437925X · BNF (FRcb16716077f (data) · WorldCat Identities (ENno2013-108520
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica