Apri il menu principale

Louis de La Saussaye

numismatico, storico ed erudito francese

Louis de La Saussaye (Blois, 6 marzo 1801Cheverny, 24 febbraio 1878[1]) è stato un numismatico, storico ed erudito francese.

Litografia pubblicata nel 1836, fatta da un disegno di Louis de La Saussaye, intitolato " La tour d’argent ; Ancien hôtel de la Monnoie de Blois"[2]

Indice

BiografiaModifica

Jean, François de Paule, Louis Petit de La Saussaye nasce a Blois da un'antica famiglia della regione di Orléan[3]. Dapprima si prefigge una carriera militare e poi diventa esattore di imposte a Blois[1]. Si consacra agli studi storici e agli scavi archeologici nella regione dei castelli della Loira e di Blois[4], disegnando tutto ciò che vede[5]. Nel 1835 ottiene una medaglia al concorso delle antichità nazionali[1].

Conseiller général del Loir-et-Cher sotto il Secondo Impero, Louis de la Saussaye è nominato rettore delle accademie di Poitiers e poi di Lyon[4], rispettivamente il 22 agosto 1854 e nel settembre 1856[1]. Si ritira nel giugno 1873[1].

Nel 1828 eredita[6] il castello di Troussay e anche quello di Robert de Bugy a Sours , dei quali dirige il restauro tra il 1850 e il 1873, e partecipa anche al restauro del castello di Blois[7]. In entrambi i casi, egli cerca più un'atmosfera che la veridicità storica, anche ci si aspettava di rispettare al massimo l'architettura e lo stile originali dei luoghi[7]. S'intessa ugualmente al castello di Chambord[8].

Erudito autodidatta, è in corrispondenza con Prosper Mérimée[7], ispettore generale dei Monumenti storici.

Numismatico, fonda nel 1835 — il primo numero è pubblicato nel 1836 —[9] la Revue de la numismatique française con Étienne Cartier, rivista che diventa più tardi la Revue numismatique e che ha avuto una grande influenza sulla conoscenza della monetazione gallica[10]. Alla sua partenza, la direzione della Revue numismatique française sarà presa da Jean de Witte e A. de Longpérier.[11]

Partecipa all'ampliamento dei fondi locali della biblioteca di Blois[12][13], e s'interessa anche delle legende locali[14][15][16].

Muore nel castello di Troussay[1].

RiconoscimentiModifica

Louis de la Saussaye partecipa a diverse società scientifiche. È stato[17]:

  • membro dell'Académie des inscriptions et belles-lettres, dal 1845 alla sua morte nel 1878,
  • membro dell'Académie des sciences, belles-lettres et arts de Lyon,
  • membro non residente du Comité des travaux historiques et scientifiques, de 1838 à 1870.

È stato commandeur (commendatore) della Legion d'onore[1].

OnorificenzeModifica

PubblicazioniModifica

  • Histoire de la ville de Blois, 1846
  • Histoire du château de Blois, prima edizione a Parigi nel 1840 presso Techener, ristampata più volte all'epoca[18]
  • Blois et ses environs, guide artistique et historique dans le Blésois et le nord de la Touraine, 1862
  • Les Six premiers siècles littéraires de la ville de Lyon, 1876
  • Notice sur le domaine de Chambord, 1834
  • Numismatique de la Gaule narbonnaise, 1842, che gli ha permesso di diventare membro dell'Académie des inscriptions et belles-lettres[1]
  • Mémoire sur l'organisation de l'instruction publique dans l'Empire romain
  • Mémoire sur la voie gallo-romaine d'Orléans à Bourges
  • La Vie et les ouvrages de Denis Papin, 1869
  • Tableau général de la noblesse des bailliages de Blois et de Romorantin en 1789
  • Mémoires sur les antiquités de la Sologne blésoise
  • Monnaies des Éduens
  • Album blésois. Disegni e acquarelli-1820-1830. Stampati dal Comité départemental du Patrimoine et de l'Archéologie en Loir-et-Cher (Blois, Loir-et-Cher) e dal Groupe de Recherches archéologiques et historiques de Sologne (Lamotte-Beuvron, Loir-et-Cher), 1995.
  • Journal historique et archéologique du Blésois et de la Sologne. Introduzione di Bruno Guignard. Saint-Claude-de-Diray (Loir-et-Cher), Éditions Hesse, 2009 (pubblicazione del manoscritto 267 della biblioteca Abbé-Grégoire de Blois, redatto tra il 1827 e il 1834).

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h Biografie dei rettori dell'accademia d'Orléans-Tours, tra cui la biografia de Louis de la Saussaye, su ac-orleans-tours.fr. URL consultato il 16 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2010).
  2. ^ La tour d’argent, « ancien hôtel de la Monnoie de Blois » Litografia di Ch Pensée da un disegno di Louis de La Saussaye (fatto prima del 1836, come litografia è pubblicato nel frontespizio della Revue numismatique, rivista diretta da E. Cartier e L. de la Saussaye, della Société royale des antiquaires de France et de plusieurs autres sociétés archéologiques françoises et étrangères, Volume 1 (1836), n°4 ; dalla Société française de numismatique, 490 pages
  3. ^ Famiglia su è stata scritta una Histoire généalogique de la maison de La Saussaye di Alonso Péan[collegamento interrotto]
  4. ^ a b Presentazione del fondo Louis de la Saussaye degli Archives départementales de Loir-et-Cher
  5. ^ Pubblicazione di 45 disegni e acquarelli de Louis de la Saussaye Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive.
  6. ^ Troussay sotto il sito Routes François Ier
  7. ^ a b c Lo château de Troussay sul sito Patrimoine de France Archiviato il 31 luglio 2008 in Internet Archive.
  8. ^ Recherches archéologiques sur Chambord Archiviato l'8 luglio 2011 in Internet Archive.
  9. ^ Lettera di La Saussaye, sul sito Traces Écrites Archiviato il 22 ottobre 2013 in Internet Archive.
  10. ^ Les précurseurs de la numismatique gauloise au XIXe siècle, sul sito Sacra Moneta
  11. ^ Lafaurie Jean. La Revue numismatique a 150 ans. In: Revue numismatique, 6e série - Tome 28, année 1986 p. 24
  12. ^ Historique du fonds de la bibliothèque de Blois[collegamento interrotto]
  13. ^ Envoi d'un ouvrage à la bibliothèque dirigée par Louis de la Saussaye[collegamento interrotto]
  14. ^ Louis de la Saussaye présente le lieu-dit le Charbonnier Archiviato il 3 marzo 2016 in Internet Archive.
  15. ^ Louis de la Saussaye présente la Pierre de Minuit Archiviato il 24 ottobre 2013 in Internet Archive.
  16. ^ Louis de la Saussaye présente la Motte à la Dame[collegamento interrotto]
  17. ^ Louis de la Saussaye sur le site du CTHS, Comité des travaux historiques et scientifiques
  18. ^ Presentazione di una riedizione moderna, sul sito Le livre d'histoire

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN71531035 · ISNI (EN0000 0001 2281 6981 · LCCN (ENno96014335 · GND (DE172668719 · BNF (FRcb13174371h (data) · CERL cnp01928812