Lycosa tarantula

specie di aracnidi

Lycosa tarantula Linnaeus, 1758 è un ragno appartenente alla famiglia Lycosidae.

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Lycosa tarantula
Lycosa tarantula 03 by-dpc.jpg
Lycosa tarantula
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Lycosoidea
Famiglia Lycosidae
Sottofamiglia Lycosinae
Genere Lycosa
Specie L. tarantula
Nomenclatura binomiale
Lycosa tarantula
Linnaeus, 1758
Nomi comuni

Taranta o Tarantola

DistribuzioneModifica

Questa specie è stata rinvenuta in Italia (Puglia), in Francia (Corsica e Alti Pirenei), nei Balcani, in Turchia e in Medio Oriente.[1]

StoriaModifica

Nella tradizione popolare della Puglia viene chiamato taranta o tarantola. Il nome deriverebbe da Taranto[2] o dal vicino fiume Tara: infatti, tra le più antiche testimonianze troviamo quella risalente alla seconda metà del '500 di Nicolas Audebert, poeta e consigliere al parlamento di Bretagna, secondo la quale "la tarantola è più comune in Puglia che in nessun'altra località, e principalmente dalle parti della città di Taranto, donde ha preso il nome, perché durante tutta l'estate nei campi ce ne sono un'infinità."[3] La credenza voleva che il morso di questo ragno provocasse una particolare malattia, detta tarantismo[4][5], caratterizzata da una condizione di malessere generale e una sintomatologia psichiatrica simile ma distinta dall'epilessia, e si riteneva che fosse possibile neutralizzare gli effetti del veleno saltando e sudando: da ciò la credenza popolare che la danza e la musica potessero risanare dalla malattia. Il termine taranta, o tarantella pugliese, è infatti anche usato come sinonimo di "pizzica", la danza e il genere musicale generato dal tarantismo.

Oggi il termine "tarantola" viene per lo più attribuito, impropriamente, ai ragni giganti che popolano i continenti americano, africano ed asiatico. Più correttamente si parla di migalomorfi o più semplicemente di migali.

TassonomiaModifica

È la specie tipo del genere Lycosa Latreille, 1804[1].

Sono ben 29 le pubblicazioni che riportano esami di esemplari di questa specie, fino al 2020[1].

 
Un esemplare femmina con i piccoli sull'addome.

NoteModifica

  1. ^ a b c World Spider Catalogue, versione 21.5, Lycosa tarantula URL consultato l'1 gennaio 2022, su wsc.nmbe.ch.
  2. ^ English Oxford Dictionaries, su en.oxforddictionaries.com. URL consultato il 20 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2018).
  3. ^ Origini del Tarantismo, su liceoaristosseno.it. URL consultato il 20 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2018).
  4. ^ Il Tarantismo le tarante e i tarantati, su ilsuonodelsalento.it. URL consultato il 6 novembre 2014.
  5. ^ Basi zoologiche-naturalistiche del Tarantismo nel Salento, su siba-ese.unisalento.it. URL consultato il 20 febbraio 2018.

BibliografiaModifica

  • Linnaeus, C., 1758 - Systema naturae per regna tria naturae, secundum classes, ordines, genera, species cum characteribus differentiis, synonymis, locis. Editio decima, reformata. Holmiae, 821pp. (Araneae, pp.619-624) PDF
  • Rossi, P., 1790 - Fauna etrusca: sistens insecta quae in Provinciis Florentina et Pisana praesertim collegit. Liburni vol.2, pp.126-140. PDF
  • Petagna, V., 1792 - Institutiones entomologicae. Naples, 718 pp. (Araneae, pp. 432-437) PDF
  • Latreille, P.A., 1806 - Genera crustaceorum et insectorum. Paris, tome 1, 302 pp. (Araneae, pp 82-127). PDF
  • Latreille, P.A., 1817 - Articles sur les araignées. Nouveau Dictionnaire d'Histoire Naturelle, Paris N. Ed., artt.7-11, 13, 17-18. PDF
  • Hahn, C.W., 1833a - Die Arachniden. Nürnberg, Erster Band, pp.77-129; Zweite Band, pp.1-16. PDF
  • Walckenaer, C.A., 1837 - Histoire naturelle des insectes. Aptères. Paris vol.1, pp.1-682 PDF
  • Koch, C.L., 1838 - Die Arachniden. Nürnberg, Vierter Band, pp.109-144, Funfter Band, pp.1-124 PDF
  • Koch, C.L., 1847 - Die Arachniden. Nürnberg, Vierzehnter Band, pp.89-210, Funfzehnter Band, pp.1-136, Sechszehnter Band, pp.1-80 (in tre sezioni) PDF
  • Koch, C.L., 1850 - Übersicht des Arachnidensystems. Heft 5. J. L. Lotzbeck, Nürnberg, 77 pp. PDF
  • Simon, E., 1864 - Histoire naturelle des araignées (aranéides). Paris, pp.1-540. PDF
  • Thorell, T., 1870b - On European spiders. Nova Acta Regiae Societatis Scientiarum Upsaliensis vol.(3) 7: pp.109-242. PDF

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi