Madrac

gruppo musicale italiano
Madrac
Paese d'origineItalia Italia
(Udine)
GenereFunk
Hip hop
Musica elettronica
Periodo di attività musicale1996 – 2014
EtichettaReddArmy, Musiche Furlane Fuarte
Album pubblicati3
Sito ufficiale

I Madrac sono stati un collettivo di funk e urban music.[1]

Fondati da ReddKaa come progetto collaborativo tra musicisti della scena underground udinese nel 1996, e per un lustro band vera e propria, hanno prodotto tre album, "Technotitlàn" (Musiche Furlane Fuarte/Nota, 1999), "Real" (ReddArmy/Musiche Furlane Fuarte, 2006) e "L'esercito del sole" (ReddArmy, 2011) e due album di remix.

La nascitaModifica

Il primo "germe" dei Madrac può essere considerata la canzone "Urtio" (ortica), scritta da ReddKaa nel 1996 su testo di Guido Carrara (già Mitili Flk), vincitrice del Premi Friûl di quell'anno; conteneva già i primi semi del genere musicale che si sarebbe successivamente delineato nel primo album: uso della lingua friulana mescolata con elettronica aggressiva, hip hop, e funk.

TechnotitlànModifica

Il primo disco, "Technotitlàn", realizzato con la partecipazione di ben 29 collaboratori, ampliava questa tendenza, passando da canzoni ironiche come "Cjargnocentric" ("Carniacentrico", drum'n'bass che sbruffoneggiava "è dimostrato al di là di ogni ragionevole dubbio che il rock, il drum'n'bass, il big beat, l'hip hop, il dark, il rock, il metal, il trip hop e la techno sono stati inventati a Forni Avoltri, e poi copiati"!), "Standby", su un testo e un campionamento di Lino Straulino, "Mai", che prendeva ispirazione dai primi beats di Timbaland che avevano attraversato l'oceano, "Dîs Pierdûts" (Giorni Perduti), dove la regia sonora di Simone Sant, fonico e coproduttore dell'album sfociava in un arrangiamento fastoso quanto elaborato, e la finale, oscura e violentissima "Agnui e gjaui ch'i giuio" (Angeli e demoni che giocano). Dopo una prima presentazione e qualche concerto il progetto si arenò un po' per la difficoltà di coordinare tanti musicisti dal vivo, un po' perché ReddKaa dette priorità al suo altro gruppo, i DLH Posse, nonostante le ottime recensioni del disco su giornali locali e nazionali (ad esempio la recensione di Musica di Repubblica, anche se del 2003).

RealModifica

Alla fine del 2005 ReddKaa decide di riprendere in mano il progetto, mantenendo alcuni dei vecchi collaboratori e chiamandone di nuovi (curiosamente, anche stavolta furono 29). Il disco, "Real", contiene 14 tracce stilisticamente più mature e omogenee di "Technotitlàn". Registrato e mixato da Irko Studiobeat a Preganziol, il disco inizia con l'ultraviolenta "Estremist" ("Estremista"), per passare alla polemica tutta friulana di "Clap tal suei" ("Sasso nello stagno"), fino a pezzi come "Soreli" ("Sole"), che usa il ritornello di una villotta popolare in un contesto neo-soul. Il disco inoltre contiene due pezzi in italiano, di cui uno, "Who's the king", insieme a Mole e Giuann Shadai, viene utilizzato come primo singolo, con un video in animazione digitale creato da ReddKaa stesso in tre mesi di lavoro, video successivamente trasmesso da Rai e All Music, riscuotendo una discreta visibilità a livello nazionale. Subito prima dell'uscita del disco ReddKaa chiamò nel progetto Mattia Cuttini e Christian Pevere, rendendo i Madrac un gruppo vero e proprio.[2]

L'esercito del soleModifica

Il 1º gennaio 2007 ReddKaa fonda la ReddArmy, associazione culturale ed etichetta indipendente che comprende tra gli altri Carnicats, Maci's Mobile, Dlh Posse, Mole (in seguito Mole and the Moon Walktet), Railster, Dj Tubet, e gli stessi Madrac, che a questo punto decidono di abbandonare almeno temporaneamente la produzione in lingua friulana ed iniziano a produrre il loro terzo album, intitolato "L'esercito del sole". Nell'agosto 2009 al gruppo si aggiunge il cantante Francesco Zanelli, che sostituisce ReddKaa come frontman. Dopo un primo rinvio nel maggio 2010 il disco viene finalmente terminato nel dicembre dello stesso anno per uscire il 7 febbraio 2011 presentato in esclusiva su XL di Repubblica, e comprende numerosi ospiti di portata nazionale ed internazionale quali Caparezza, Primo Brown dei Cor Veleno, Dean Fraser, Skerrit Bwoy (frontman per i Major Lazer), Paolo Baldini degli Africa Unite e molti altri.[3]. Nell'autunno del 2011 Kappah sceglie di dedicarsi ad altri progetti ed esce dalla band, che intanto annuncia un nuovo lavoro per il maggio 2012, "III+", album di remix di "L'esercito del sole". Alla fine dell'anno la band interrompe l'attività dal vivo. Francesco Zanelli lascia la band, e ReddKaa e MattiaC entrano in pausa.

Nel 2016 ReddKaa dichiara ufficialmente concluso il progetto Madrac facendo uscire un ultimo brano dal titolo "Movida" e che il featuring di Michele Poletto dei Playa Desnuda.

DiscografiaModifica

AlbumModifica

1999 - Technotitlàn[4]Modifica

1999; Musiche Furlane Fuarte

Traccia
1 Cjargnocentric
2 Ma no è vero nuio
3 Mai
4 Dut l'amor dal mont
5 Standby
6 Svuala
7 Technotitlàn
8 Nencje de stesso specie
9 Dîs Pierduts
10 Madrac
11 I clauts de cruos
12 Agnui e gjaui ch'i giuio

2006 - Real[5]Modifica

2006, 1º agosto; Musiche Furlane Fuarte/ReddArmy

Traccia Durata
1 Estremist 1:15
2 Clap Tal Suei 3:35
3 Fôc 4:32
4 La Mê Benedizion 3:48
5 Who's the King, Part 1: King of the Dancehall 2:30
6 Who's the King, Part 2: Real (Segue: Niari) 4:10
7 Miei Timps (Son Cumò) 3:12
8 Reality Check 3:16
9 Grazie 3:16
10 Musiche Par Taconâ 2:56
11 Pardabon (Segue: Sanc e Mîl) 3:59
12 Scjaldimi la Vito 4:05
13 Soreli 6:07
14 Mandi e Grazie 5:36

2011 - L'esercito del Sole[6]Modifica

2011, 13 febbraio; ReddArmy (RA012)

Traccia Durata
1 What It Takes To Be A Man 4:26
2 Miss Jones 3:43
3 Normale 3:43
4 Davvero 2:53
5 Solo lei 4:11
6 Venerdì sabato domenica 3:54
7 Modello negativo 3:24
8 Miele e veleno 3:52
9 Brucia (segue: Sestante) 6:03
10 La linea sottile 3:41
11 Io non ho paura 3:22
12 Ricomincio da me 4:50
13 Atlantica 5:34

Remix albumModifica

2012 - III+[7]Modifica

2012, 20 giugno; ReddArmy (RA014)

Traccia Durata
1 What it takes to be a man (Hellomynameisra rmx) 3:43
2 Io non ho paura (J.Wise rmx) (feat. Primo Brown & King David) 3:28
3 Onde radio 3:53
4 Brucia (Tuzo rmx) 5:00
5 Normale (Fare Soldi rmx) (feat. Caparezza) 3:57
6 Io non ho paura (Digi G'Alessio rmx) 2:35
7 La linea sottile (WishinWell rmx) 3:46
8 Modello negativo (Blessy G's rmx) 3:33
9 Venerdì sabato domenica (Pat Cosmo Rmx) (feat. Dean Fraser) 4:09
10 Ricomincio da me (Kboard rmx) 3:34
11 Atlantica (Paolo Baldini rmx) 4:31
12 What it takes to be a man (Deison rmx) 4:17

2012 - The ReddArmy Family mixes[8]Modifica

2012; ReddArmy (RA016)

Traccia Durata
1 Brucia (Arbeiter rmx) 4:13
2 Davvero (MTMP rmx) 3:43
3 Miele e veleno (Mole rmx) 3:00
4 Solo lei (Smania Uagliuns rmx) 4:14
5 Normale (3 is a crowd rmx) (feat. Caparezza) 3:23
6 Venerdì sabato domenica (F.Thoro rmx) 3:14

Fuori albumModifica

NoteModifica

  1. ^ MADRAC, su italianembassy.it. URL consultato il 25/10/2011 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2011).
  2. ^ Madrac, su reddarmy.com, ReddArmy official site. URL consultato il 25/10/2011 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2012).
  3. ^ Blog » STREAMING. Madrac: L’esercito del sole, su videodrome-xl.blogautore.repubblica.it, XL di Repubblica. URL consultato il 25/10/2011.
  4. ^ music - Madrac * ReddArmy [collegamento interrotto], su madrac.com, Madrac's official site. URL consultato il 25/10/2011.
  5. ^ iTunes - Music - Real by Madrac, su itunes.apple.com, iTunes Store US, Apple Inc. URL consultato il 25/10/2011.
  6. ^ L’esercito del sole - Madrac - Halidon - Vendita di CD di Musica, Dischi, Vinili, LP, DVD e Libri, su halidon.it, Halidon Distribuzione. URL consultato il 25/10/2011.
  7. ^ III+ (ReddArmy RA014) by Madrac, su soundcloud.com, Soundcloud. Madrac's official profile. URL consultato il 26/06/2012.
  8. ^ PREMIERE » Madrac – The ReddArmy Family Remixes, su dlso.it, Dance Like Shaquille O'Neal. URL consultato il 26/06/2012 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2012).

Collegamenti esterniModifica