Marano di Reno

Marano
Marano torr.jpg
Un'immagine autunnale del Marano nei boschi a monte dell'omonimo paese
StatoItalia Italia
RegioniEmilia-Romagna Emilia-Romagna
Lunghezza12 km[1]
Portata media0,1 m³/s
Bacino idrografico19 km²[1]
Altitudine sorgente1 030 m s.l.m.
NasceMonte della Torraccia
Sfociafiume Reno

Il Marano (o Marano di Reno per distinguerlo dall'omonimo corso d'acqua sammarinese) è un torrente dell'Appennino emiliano che scorre tra le provincie di Modena e Bologna.

PercorsoModifica

Nasce infatti dal monte della Torraccia (1083 m) nel comune modenese di Montese; non lontano dalla sua sorgente si trovano anche quelle dell'Àneva, affluente del Vergatello. Entra poi nella provincia di Bologna, segnando per un breve tratto il confine con quella di Modena, nel comune di Gaggio Montano di cui bagna le frazioni Rocca Pitigliana e Marano. È proprio in quest'ultima frazione che il torrente confluisce nel fiume Reno dopo un percorso di circa 10 km. La sua direzione è ondivaga ma si può accettare che sia rivolta verso sud-est.

Regime idrologicoModifica

Il suo corso è stato pesantemente manipolato dall'uomo negli anni quaranta e cinquanta a causa del suo brusco carattere torrentizio, con la costruzione di briglie di altezza variabile che tuttavia, limitando la mobilità dei pesci, hanno provocato un forte danno all'ecosistema. A differenza di altri affluenti di sinistra del Reno (come il Vergatello o il Samoggia), il Marano non rimane mai completamente asciutto durante il periodo estivo e questo è dovuto alla folta vegetazione che cresce lungo i suoi argini.

NoteModifica

  1. ^ a b AA.VV., B.1. Bacino principale del Fiume Reno, in Studio propedeutico alla definizione di un bilancio idrico relativo alle acque superficiali del bacino del fiume Reno, Autorità di Bacino del Reno, 2016, pp. 14. URL consultato il 17 marzo 2020.
  Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia