Apri il menu principale

Mauro Codussi o Coducci o Moretus o Maurus de Cudussis de Lentina (Lenna, 1440Venezia, 1504) è stato un architetto italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Lenna, piccolo paese della valle Brembana, in provincia di Bergamo, figlio di Martino, si formò culturalmente in Romagna, a Ravenna e dal 1467 si trasferì a Venezia dove contribuì notevolmente all'arricchimento architettonico della Serenissima, dove venne nominato come civis Bergomi et ibi habitator[1].

Tra le sue opere principali meritano menzione le chiese di San Michele in Isola, di San Zaccaria (per la quale assunse la carica di proto nel 1483), di San Giovanni Crisostomo e di Santa Maria Formosa. Di notevole spessore anche Palazzo Vendramin-Calergi e Palazzo Zorzi a San Severo. La data di costruzione di Ca' Loredan Vendramin Calergi, oggi sede del Casinò Comunale di Venezia non è documentata, ma gli storici fissano l'inizio dei lavori nel 1481. Secondo le fonti, il palazzo era già ultimato nel 1509, in un tempo ragionevolmente breve, se si pensa alle tecnologie dell'epoca e alla difficoltà di costruire sull'acqua. L'architetto Mauro Codussi ha realizzato la somma di tutte le sue prove, dimostrando di essere il più geniale tra i costruttori del Rinascimento lagunare. La dimora ebbe un periodo di grande floridezza, con lavori di ampliamento e la costruzione della cosiddetta "ala bianca", eretta nel 1614, sopra il giardino, su progetto di Vincenzo Scamozzi, celebre architetto del Rinascimento.

Dopo aver diretto i lavori di restauro della Scuola Grande di San Marco, eseguiti tra il 1491 e il 1495, collaborò, a partire dal 1496, con il conterraneo Bartolomeo Bon di Campione per la realizzazione della torre dell'orologio in piazza San Marco.

Un corso carsico imbarazzante: un nome Mauro Codussi, che solo alla fine del secolo scorso riappare grazie all'accanimento archivistico degli studiosi più accorti e in particolare alla ricerca di Pietro Paoletti che per primo lo riscoprì nel 1893. "Moro Lombardo", era così menzionato anche dal Sansovino, Mauro Codussi. Le indagini meticolose del Paoletti hanno permesso solo a fine Ottocento di stabilire che molte opere veneziane del primo rinascimento erano dello stesso autore.

Documentata la sua presenza a Bergamo, città natale, nei periodi invernali dove aprì un negozio di stoffe nella vicinia di San Pancrazio dato in gestione ai figli Domenico e Santino. Il suo nome è associato alla progettazione di casa Fogaccia degli ultimi anni del XV secolo.[2][3]

L'attività di Codussi risultò fondamentale nel primo Rinascimento veneziano. La sua prima grande opera la chiesa di San Michele in Isola deriverebbe dalla più antica chiesa di San Giacomo a Sebenico (architetto Giorgio Orsini) e dalle influenze di derivazione Albertiana espressa per il Tempio Malatestiano nota al Codussi. Il tempio Malatesiano era la chiesa maggiore di Rimini. L'opera non fu mai completata ma testimoniata in un disegno di una famosa medaglia che prende il nome di Matteo de' Pasti architetto veronese, morto nel 1468 che succedette all'Alberti.

Fu uno dei primi ad attribuire un'importanza primaria alla struttura architettonica anziché ai problemi decorativi.

NoteModifica

  1. ^ Alberto Tacco, Mauro Codussi, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1982.
  2. ^ Gianmario Petrò, Tra Bergamo e Venezia non solo pittori, La Rivista di Bergamo, 2001, p. 61-71.
  3. ^ GianMario Petrò, Bussolo, Lubrina editore, 2016.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22935503 · ISNI (EN0000 0000 8102 2471 · LCCN (ENn85000956 · GND (DE118669621 · BNF (FRcb13176520n (data) · ULAN (EN500014085 · CERL cnp01361216