Medea (Pacini)

opera lirica in tre atti di Giovanni Pacini
Medea
Cassandra e Glauca figlia di Creonte, figurino di artista ignoto per Medea (s.d.) - Archivio Storico Ricordi ICON009295.jpg
Cassandra e Glauca figlia di Creonte, figurino di artista ignoto per Medea (s.d)
MusicaGiovanni Pacini
LibrettoBenedetto Castiglia
Fonti letterarieEuripide
Atti3
Prima rappr.28 novembre 1843
TeatroTeatro Carolino, Palermo
Personaggi

Medea è un'opera lirica in tre atti di Giovanni Pacini su libretto di Benedetto Castiglia, basato sulla tragedia omonima di Euripide.

Fu rappresentata per la prima volta al Teatro Carolino di Palermo il 28 novembre 1843. Fu in seguito rimaneggiata più volte da Pacini in successivi allestimenti: una prima revisione fu presentata al Teatro Eretenio di Vicenza il 22 gennaio 1845, un'ulteriore versione fu messa in scena il 9 marzo 1850 alla Fenice di Venezia, mentre la versione definitiva fu rappresentata al teatro San Carlo di Napoli il 26 febbraio 1853.

Per alcuni decenni fu la Medea più popolare nei teatri d'opera d'Italia, Russia e delle Americhe. Dalla prima rappresentazione fino al 1869 ne furono allestite almeno 43 produzioni.

Personaggi e interpreti della primaModifica

Personaggio[1] Tipologia vocale[2] Interprete[1]
28 novembre 1843
Medea soprano Geltrude Bortolotti
Cassandra soprano Giovanna Austin
Licisca soprano Adelaide Orlandi
Giasone tenore Giovanni Battista Pancani
Creonte bass Luigi Valli
Calcante bass Secondo Torre
Cori e comparse: Glauca (sop.). Fanciulle. Donne. Fanciulli. Popolo. Cureti. Sacerdoti. Arconti. Matrone. Soldati

TramaModifica

Struttura musicaleModifica

  • Sinfonia

Atto IModifica

  • N. 1 - Introduzione e Cavatina di Creonte O del canto signor - Ebbi una figlia, sola speranza! (Coro, Calcante, Creonte)
  • N. 2 - Cavatina di Medea Per te, crudel! le tenebre
  • N. 3 - Duetto fra Medea e Giasone Odi, sola, in preda a mille

Atto IIModifica

  • N. 4 - Coro e Preghiera di Giasone Nell'ambascia, nel pianto - Se innanzi al trono vindice (Coro, Cassandra, Calcante, Giasone)
  • N. 5 - Duetto fra Medea e Creonte Medea... vive!... vive! o cielo!
  • N. 6 - Finale II Di Giove l'arcano - Di eterna luce i secoli (Coro, Creonte, Giasone, Medea, Calcante, Licisca)

Atto IIIModifica

  • N. 7 - Coro e Terzetto fra Creonte, Medea e Giasone Gioisci alfin - Ma di', figlio a tuo padre non era (Coro, Creonte, Medea, Giasone)
  • N. 8 - Coro, Aria di Medea e Finaletto Al Tempio - Oh almeno... si tace - Morte all'infame... a tale iniqua la morte! (Coro, Giasone, Creonte, Cassandra, Calcante, Glauca, Medea)

NoteModifica

  1. ^ a b Secondo il libretto originale.
  2. ^ Pessina (2007)

BibliografiaModifica

  • Libretto originale: Medea. Tragedia lirica, Palermo, Reale Stamperia, 1845 (accessiibile online presso Bayerische StaatsBibliothek)
  • Marino Pessina, Medea, in Piero Gelli & Filippo Poletti (a cura di), Dizionario dell'Opera 2008, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2007, pp. 828–829, ISBN 978-88-6073-184-5 (riprodotto online presso Opera Manager).
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica