Melogale

genere di animale della famiglia Mustelidae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Melogale
Javan Ferret-badger.jpg
Tasso furetto di Giava (Melogale orientalis)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Sottordine Caniformia
Famiglia Mustelidae
Sottofamiglia Helidictinae
Gray, 1865
Genere Melogale
I. Geoffroy Saint-Hilaire, 1831
Specie

I tassi furetto (Melogale I. Geoffroy Saint-Hilaire, 1831) sono dei carnivori appartenenti alla famiglia dei Mustelidi e classificati in una sottofamiglia a parte, gli Elidictini (Helidictinae)[1]. Il genere comprende cinque specie diffuse nel Sud-est asiatico. Diversamente da quanto si riteneva in passato, non sono strettamente imparentati con i tassi veri e propri.

DescrizioneModifica

I tassi furetto sono caratterizzati da una coda folta e lunga. Il corpo è allungato, e le zampe sono relativamente brevi. Il colore del mantello varia dal grigio-bruno al marrone scuro, leggermente più chiaro sulle regioni posteriori. Caratteristiche di questi animali sono una striscia bianca o rossastra lungo il dorso e una sorta di maschera bianca e nera dalla forma peculiare. Hanno una lunghezza testa-corpo di 33–43 cm, una coda di 15–23 cm e un peso che varia tra 1 e 3 kg.

Distribuzione e habitatModifica

L'areale dei tassi furetto si estende dall'India orientale e dalla Cina centrale, attraverso la penisola malese, fino al Borneo e a Bali. Vivono principalmente nelle foreste, ma a volte si possono incontrare anche in zone erbose aperte.

BiologiaModifica

ComportamentoModifica

I tassi furetto sono creature crepuscolari o notturne. Durante il giorno si ritirano in rifugi naturali o all'interno di tane di altri animali, in quanto, a differenza degli altri tassi, non scavano da soli le proprie tane. Di notte, vanno in cerca di cibo, anche arrampicandosi sugli alberi, e talvolta si riposano alla biforcazione dei rami. Conosciamo ben poco riguardo al loro comportamento sociale, ma presumibilmente conducono un'esistenza solitaria.

AlimentazioneModifica

I tassi furetto sono onnivori e si nutrono sia di piccoli vertebrati (soprattutto rane e lucertole), insetti e vermi, che di frutta e altre sostanze di origine vegetale.

RiproduzioneModifica

Dopo una gestazione di 60 giorni, la femmina partorisce da uno a cinque (di solito due) piccoli. Questi iniziano a condurre vita autonoma a partire dall'età di circa due o tre mesi.

TassonomiaModifica

Il genere Melogale comprende le cinque seguenti specie:

  • Melogale moschata (Gray, 1831), il tasso furetto della Cina, presente in Cina centrale e meridionale (comprese le isole di Taiwan e di Hainan), in India nord-orientale, nelle regioni settentrionali del Myanmar, in Laos e in Vietnam.
  • Melogale personata I. Geoffroy Saint-Hilaire, 1831, il tasso furetto della Birmania, diffuso da Myanmar e Vietnam fino alle regioni meridionali della Thailandia.
  • Melogale orientalis (Horsfield, 1821), il tasso furetto di Giava, presente sulle isole di Giava e Bali. In alcune classificazioni è considerato una sottospecie del tasso furetto della Birmania.
  • Melogale everetti (Thomas, 1895), il tasso furetto del Borneo, presente solamente in una piccola area del Borneo settentrionale. La IUCN lo classifica tra le specie in pericolo (Endangered).
  • Melogale cucphuongensis Nadler, Streicher, Stefen, Schwierz e Roos, 2011, il tasso furetto di Cuc Phuong, rinvenuto finora solamente nel parco nazionale di Cúc Phương, in Vietnam, e descritto nel 2011[2].

NoteModifica

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Melogale, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ Nadler, Streicher, Stefen, Schwierz, Roos (2011): A new species of ferret-badger, Genus Melogale, from Vietnam. Der Zoologische Garten, Volume 80, Issue 5, 2011, Seite 271-286, DOI:10.1016/j.zoolgart.2011.08.004.

BibliografiaModifica

  • Ronald M. Nowak: Walker's Mammals of the World. Johns Hopkins University Press, 1999 ISBN 0801857899.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi