Apri il menu principale

Menesecmo (in greco antico: Mενέσαιχμος, Menésaichmos; IV secolo a.C.IV secolo a.C.) è stato un politico ateniese, feroce avversario di Licurgo.

BiografiaModifica

Menesecmo fece mettere sotto accusa e condannare Licurgo, accusandolo di empietà. Quando Licurgo sentì giungere la fine (323 a.C.), egli stesso decise di rivolgersi alla Boulé per rendere conto della sua condotta pubblica, e Menesecmo fu l'unico che osò trovare difetti al suo operato. Continuò la sua ostilità contro i figli di Licurgo, anche dopo la morte del padre, riuscendo a far intentare un procedimento penale contro di loro, che furono consegnati in custodia gli Undici. Vennero poi rilasciati a seguito di un intervento di Demostene. [1]

NoteModifica

  1. ^ Pseudo-Plutarco, Moralia, "Vite dei dieci oratori", pp. 841-844; Fozio, Bibliotheca, cod. 268; Suda, s.vv. "Licurgo", "proerosiai"; Arpocrazione, Lexicon of the Ten Orators, s.vv. "Arkyoros", "Deliastai"

BibliografiaModifica