Metrofane II di Costantinopoli

(Reindirizzamento da Metrofane II)
Metrofane II
Patriarca di Costantinopoli
Elezione4 maggio 1440
Fine patriarcato1 agosto 1443
PredecessoreGiuseppe II
SuccessoreGregorio III
 
Morte1 agosto 1443

Metrofane II o Metrofanio II[1] (... – Costantinopoli, 1 agosto 1443) è stato il Patriarca ecumenico di Costantinopoli tra il 1440 e il 1443[1].

Metrofane era vescovo di Cizico[1] in Asia Minore quando fu chiamato a far parte della delegazione di vescovi presenti al Concilio di Firenze.

Fu nominato dall'imperatore Giovanni VIII il 4 maggio 1440[1] come successore del patriarca Giuseppe II di Costantinopoli in seguito alla morte di quest'ultimo a Firenze.[1] L'imperatore era ansioso di ottenere aiuto da papa Eugenio IV per far fronte all'aggressione turca, così costrinse il patriarca e tutti gli altri vescovi a sottomettersi all'autorità papale. Un solo vescovo non si prestò: Marco Eugenico, metropolita di Efeso, e senza la sua firma il documento per la comunione tra chiesa orientale e occidentale rimase invalido. Marco aizzò il popolo e il clero nel rifiutare di comunicarsi con lui, impedendogli di celebrare messa il giorno dell'Ascensione.[1] Metrofane cacciò i vescovi ribelli e li rimpiazzò con prelati di sua fiducia, anche al di fuori della sua giurisdizione.[1] Nel 1443 si attirò così le scomuniche degli altri tre patriarchi.[1] Per la sua sottomissione all'unione, Metrofane fu soprannominato "Mitrofonos" ("matricida"). Venuto meno il sostegno dell'imperatore,[1] fu deposto da una rivolta popolare e fuggì alla corte papale di Roma.

Metrofane morì il 1 agosto 1443[1] a Costantinopoli.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j PadriBenedettini, p.479-480.

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN4146634427841931774 · LCCN (ENn2016030342 · GND (DE1188648640 · WorldCat Identities (ENlccn-n2016030342